Roma Calcio » AS Roma News » Torneo di Viareggio, respinto il ricorso del Budapest Honvéd

Torneo di Viareggio, respinto il ricorso del Budapest Honvéd

Gli ungheresi avevano messo in dubbio la partita della Roma

viareggio

VIAREGGIO RICORSO RESPINTO / ASROMALIVE.IT – Il Centro Giovani Calciatori ha respinto il ricorso presentato dal Budapest Honvéd, per ciò che concerne la qualificazione agli ottavi di finale della Viareggio Cup della Roma.

La formazione ungherese, rimasta fuori dalle fasi finali del torneo, aveva protestato paventando un’ipotesi di combine tra Roma e Long Island nel terzo turno del girone 11; un tacito accordo che avrebbe favorito l’accesso alle fasi successive da parte dei giallorossi, a discapito proprio dell’Honvéd, che nel frattempo batteva per 2 a 1 il Lecce. I dirigenti del Budapest, in particolare, hanno puntato il dito sugli ultimi 8 minuti giocati al “Florentia”; arco di tempo in cui la Roma ha segnato quattro delle sei reti rifilate al Long Island, che nelle due precedenti sfide del girone ne aveva subite già quattro dallo Spezia e ben cinque dallo Spartak Mosca.

Il verdetto, dunque, è che tra Roma Long Island non vi sia stato alcun accordo in campo. I quattro gol realizzati tra il finale di gara ed il recupero dalla Roma non sono il frutto di una combine, ma semplicemente dell’incessante attaccare della squadra di Alberto De Rossi. I giallorossi, prima di completare la loro impresa ricca di gol, hanno sbattuto più volte su Gaffary, portiere del Long Island, e sulla difesa statunitense.
Inoltre, episodio emblematico della buonafede in campo, a fine gara, davanti all’uscita degli spogliatoi, i dirigenti della Roma, tra cui Frederic Massara, continuavano incessantemente a telefonare al fine di capire se il loro 6-1 fosse stato sufficiente per accedere agli ottavi. Come se non bastasse, in alcune fonti di informazione sportiva, la dirigenza giallorossa ha trovato erroneamente riportato il pari per 1-1 come risultato finale tra l’Honvéd ed il Lecce. Questi due episodi bastano a replicare alle accuse, tra l’altro respinte anche quest’oggi dal Centro Giovani Calciatori.
Infatti, se la Roma non conosceva il risultato finale esatto di Honvéd-Lecce, come avrebbe potuto mettere in atto sul campo una combine al fine di realizzare un quantitativo di reti tale da superare la differenza reti degli ungheresi e qualificarsi al loro posto?