Roma Calcio » AS Roma News » Roma, Andreazzoli il miglior allenatore subentrante in Serie A

Roma, Andreazzoli il miglior allenatore subentrante in Serie A

Il nuovo tecnico giallorosso ha la media più alta di punti a partita tra gli allenatori subentrati in corso d’opera

Il tecnico Aurelio Andreazzoli

Il tecnico Aurelio Andreazzoli

ROMA ANDREAZZOLI MIGLIOR ALLENATORE SUBENTRANTE SERIE A / ASROMALIVE.IT – Una media di 2.17 punti a gara. E’ questo il risultato dell'”effetto Andreazzoli“. Il nuovo tecnico della Roma, infatti, ha totalizzato 13 punti in 6 gare disputate, frutto di: 4 vittorie, un pareggio e una sconfitta. Undici le reti segnate dalla squadra sotto la sua gestione, sette quelle subite. Il suo predecessore, Zdenek Zeman, viaggiava con una media di 1.48 punti a gara: 49 le reti realizzate e 42 quelle incassate.

Al momento, Andreazzoli risulta essere il miglior tecnico subentrante della Serie A. Se, infatti, si consultano le medie di punti di alcuni allenatori che sono arrivati sulle loro rispettive panchine a seguito di un esonero altrui, vediamo che il romanista è primo in questa speciale classifica. Questi, infatti, i dati degli altri:

Delio Rossi, arrivato alla Sampdoria per sostituire l’esonerato Ciro Ferrara, ha una media punti di 1.64, contro l’1.06 del suo predecessore;

Pulga sulla panchina del Cagliari può contare su un 1.43 rispetto allo 0.33 di Ficcadenti;

Corini ha una media di 1.39 da quando ha preso le redini del Chievo dopo l’addio di Di Carlo (0.5);

l’andamento di Iachini a Siena è di 1.17 contro l’1,00 a partita di Cosmi prima che fosse mandato via;

il Genoa di Ballardini ha la stessa media punti di quello di De Canio (1.13), migliore comunque di quella di Delneri, fermo a 0.62, titolare della panchina rossoblù nella prima giornata;

la media del Palermo di Malesani, in sella soltanto per 3 gare, è di un  punto a partita, quella di Gasperini è 0,77, e quella di Sannino – titolare della panchina a inizio stagione – è 0,25;

al Pescara, chi ha fatto meglio è Stroppa con 0,85 punti a match, contro lo 0,71 del suo successore Bergodi; è ancora fermo a zero, invece, Bucchi, subentrato all’ex laziale