Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Esclusiva Asromalive.it, Alberti: “La Roma non cederà mai Osvaldo al Napoli. Dodò? Un fenomeno”

Esclusiva Asromalive.it, Alberti: “La Roma non cederà mai Osvaldo al Napoli. Dodò? Un fenomeno”

Le dichiarazioni, ai nostri microfoni, del noto agente Fifa Josè Alberti sulle principali questioni di mercato della Roma in questo momento

L'attaccante romanista Pablo Daniel Osvaldo (Getty Images)

L’attaccante romanista Pablo Daniel Osvaldo (Getty Images)

ESCLUSIVA ASROMALIVE.IT ROMA OSVALDO NAPOLI DODO’ FENOMENO/ ASROMALIVE.IT – Manca meno di un mese alla chiusura del calciomercato ma molti hanno la sensazione che la Roma non abbia assolutamente concluso le sue trattative, sia in entrata che in uscita. Tante sono le voci che, di giorno in giorno, si rincorrono in tal senso. Asromalive.it ha deciso di sentire il parere del noto agente Fifa argentino, nonché esperto di mercato, Josè Alberti. Queste le sue dichiarazioni:

Dunque, partendo dalla difesa, sembrerebbe che Castan sia destinato a restare alla Roma e Chiriches allo Steaua. Le risulta?

Io mi occupo maggiormente di giocatori sudamericani, però sì, credo proprio che Castan rimarrà mentre Chiriches non verrà. Non mi sembra che in passato la Roma abbia trovato, nell’Europa dell’Est, giocatori che le abbiano fatto fare il salto di qualità. Non perché io sia sudamericano, ma penso che i giocatori sudamericani siano quelli che si adattano meglio a vivere in Italia. Lamela, Oscar, Lucas, Ibarbo, tanto per fare degli esempi, sono dei giocatori di sicuro avvenire, che al 99,9% vengono fuori dopo un anno. In passato giocatori come Angelillo, Manfredini, Samuel hanno fatto la storia. L’ambientamento nel calcio italiano è molto difficile. La Roma, a mio avviso, ha sbagliato con Lopez, che è un giocatore di grande talento. Quando prendi un rumeno, un bulgaro, è difficile che si adatti al calcio e al modo di vivere italiano.

La Roma pare non essere già convinta di Maicon e si risente il nome di Jung. Lei che ne pensa?

A me nemmeno Jung convince molto. Maicon penso che possa  tornare ad essere un buon giocatore, ma non ai livelli di un tempo. E’ comunque uno che non butta via un pallone. Se la mette in mezzo, al 90% viene un’azione da gol. Questo è già importante perché oggi alcuni giocatori, per tirare in porta prendono la bandierina del calcio d’angolo.

Per quanto riguarda la fascia, comunque, la Roma ha già una risorsa n casa ed è Dodò. Può dirci qualcosa su quello che, fino ad ora, è stato un oggetto misterioso?

Lo conosco bene e posso dire che è un fenomeno.  Ha avuto quell’infortunio e lo sta pagando  in maniera cara. Ma è un giocatore che quando parte sulla sinistra, è uno spettacolo. Un giocatore da preparare bene e a cui bisogna dare una mentalità offensiva, perché a lui non lo prende nessuno. In Brasile era un fenomeno già a 15-16 anni. Purtroppo qui, oltre ad aver subito l’infortunio, ha anche paura di sbagliare e di farsi male di nuovo. Sono sicuro, però, che questo ostacolo scomparirà: tutti i giocatori hanno avuto paura. Per me è uno dei migliori giocatori in assoluto sulla fascia sinistra. Se la Roma lo recupererà, su quella fascia potrà davvero stare tranquilla.

Pare che il Napoli sia interessato ad Osvaldo. Secondo lei potrebbe andare in porto la cosa?

Conosco la Roma, l’epoca dei Viola, dei Sensi e penso che non venderà mai Osvaldo al Napoli. Andrà in Inghilterra perché lì ha molte richieste e, in quel caso, penso che il suo modo di comportarsi cambierà parecchio: nel campionato inglese, se non ti comporti come si deve, ti danno una pedata e ti cacciano via. Lui è davvero un buon giocatore però ha questo suo modo di fare discutibile. Io dico spesso che con Balotelli potrebbe giocare nell’Inferno.

Come commenta l’acquisto di Gervinho? Pare che la maggior parte dei tifosi dell’Arsenal sia quasi contenta che sia stato ceduto..

E’ un po’ sottovalutato. Il fatto che molti tifosi siano contenti del suo addio dipende dal suo modo di essere, di vestire, di agire. E’ uno che ha gli stessi problemi di Osvaldo e Balotelli ma anche lui ha grande qualità. Speriamo che gli mettano un tutor che lo segua e lo limiti, che gli dica: “stasera stai a casa invece di andare sempre ai Castelli Romani”.

Lei che è esperto di calcio sudamericano, quale nome consiglierebbe alla Roma?

Maximiliano Urruti. Gioca nel Newell’s Old Boys, con cui ha vinto anche un campionato. Questo ragazzo è veloce, rapido ed è anche giovane, ha 22 anni. Costa 2 milioni ed è un prezzo davvero assurdo se rapportato al suo valore.

Intervista realizzata da Marco Pennacchia