Roma Calcio » AS Roma News » Mercato Roma Santin (ex agente di Lamela): “La Premier non è mai rimasta indifferente al fascino di Lamela2

Mercato Roma Santin (ex agente di Lamela): “La Premier non è mai rimasta indifferente al fascino di Lamela2

Il trasferimento del Coco al Tottenham è la questione di mercato del momento per i giallorosssi

Erik Lamela

Erik Lamela

MERCATO ROMA SANTIN LAMELA / ASROMALIVE.IT – Ai microfoni di tuttomercatoweb.it ha parlato l’ex agente di Erik Lamela soffermandosi sulla permanenza del ragazzo in giallorosso: è degli ultimi giorni l’affondo del Tottenham per portare l’argentino in Inghilterra e la trattativa sembra ad un passo dal concludersi.

Afferma Bruno Satin:

E ora Lamela andrà in Inghilterra…

La Premier non è mai rimasta indifferente al fascino di Lamela. Prima di arrivare alla Roma c’era l’Arsenal sulle sue tracce. Poi, però, si trovò l’accordo coi giallorossi”.

Nel suo futuro c’è il Tottenham.
E’ un club importante con tanti giocatori di qualità. Lamela, però, non è il sostituto di Bale“.

Si spieghi meglio…
Bale è un giocatore che può giocare in tutte le zone del campo, dal terzino al centravanti. Lamela, invece, è un giocatore prettamente offensivo capace di giocare come ala o alle spalle della prima punta. E’ molto più attaccante del gallese“.

Quanto ha influito Franco Baldini nella trattativa?
Sicuramente tra i due c’è un buon rapporto. Non sono nella trattativa, ma sicuramente la sua presenza avrà influito“.

Dalla Roma al Tottenham: lo considera un passo avanti?
In genere Italia e Spagna sono sempre il primo passo quando un giocatore sudamericano vuole approdare in Europa. La Roma quest’anno non parteciperà alla Champions, il Tottenham parteciperà all’Europa League. E’ un trasferimento che ci sta, va in un club importante“.

Marquinhos e Lamela erano un po’ i simboli della nuova Roma. Senza di loro non viene meno il progetto?
Non sarei così pessimista, alla Roma restano calciatori importanti. Il vivaio giallorosso è importante e dietro ci sono giovani bravi che, altrimenti, non sarebbero scesi in campo“.