Roma Calcio » AS Roma News » As Roma, Garcia: “Qui è incredibile la passione dei tifosi. Voglio vincere qualcosa con Totti”

As Roma, Garcia: “Qui è incredibile la passione dei tifosi. Voglio vincere qualcosa con Totti”

Il tecnico romanista parla del tifo giallorosso in un’intervista rilasciata il 30 luglio ma pubblicata solo oggi

Il tecnico francese Rudi Garcia

Il tecnico francese Rudi Garcia

GARCIA INTERVISTA / ASROMALIVE.IT – L’allenatore della Roma Rudi Garcia ha rilasciato un’intervista al portale il 30 luglio scorso pubblicata però negli ultimi giorni. Queste le parole del tecnico giallorosso:

Quali sono le tue prime impressioni della cultura dei tifosi a Roma? Un po ‘diverso a Lille?

Certo. E ‘chiaro che si tratta di un luogo dove si sente la passione dei tifosi. Non si può paragonare a Lille, davvero. E ‘più simile a Marsiglia

Lei ha detto prima che un allenatore di calcio è anche un attore. Che cosa volevi dire con questo?

Io penso che una delle qualità di cui ha bisogno un allenatore è quella di essere in grado di adattarsi alle diverse situazioni.

Allora, chi è il tuo attore preferito?

[Ride] Mi piacciono un sacco diversi attori! Si può prendere cose diverse da ciascuno di essi. Ho letto un sacco di biografie e articoli su manager di calcio. Ci sono cose importanti da imparare da tutti, tocca a me interpretare le cose a modo mio. Non ho un manager che cerco di emulare, ma ho un enorme rispetto per tutti i miei colleghi che sono riusciti a raggiungere il livello superiore. Alla fine, tutti hanno bisogno di avere una propria personalità. Io ho il mia, quindi non ho bisogno di copiare nessuno.

Come descriveresti la tua filosofia calcistica?

Penso che il calcio è uno spettacolo e la gente viene a vedere uno spettacolo. Allo stesso tempo, non dobbiamo dimenticare che essi saranno più felici se stiamo vincendo le partite. Ma personalmente credo che giocare bene ci dà la migliore possibilità di vincere le partite.

Il suo predecessore a Roma, Zdenek Zeman, ha una filosofia simile: il calcio come un divertimento. La tua visione è diversa dalla sua?

Io non sono interessato a quello che è successo negli anni passati qui. Quello che posso dire è che per vincere le partite si deve fare gol e avere una difesa solida

A Lille hai vinto il doppio (campionato e coppa) nel 2011, nonostante la competizione con i club molto ricchi. Qual è stato il segreto del vostro successo?

Il denaro rende le cose più facili … ma hai ancora bisogno di sapere come spenderli. Per una squadra come il Lille, che non ha il budget del Paris Saint-Germain, la cosa importante è assicurarsi giocatori giovani e di fare buone valutazioni di quelli che hanno un potenziale. L’altra cosa fondamentale è avere un grande spirito di squadra, un’anima condivisa, che fa in modo che si rema sempre nella stessa direzione.

Ora è possibile fare qualcosa di simile con la Roma?

Da quello che ho visto finora a Roma, abbiamo un bel gruppo di giocatori che godono della reciproca compagnia e lavorare bene insieme. Da questo punto di vista, abbiamo buone basi

A Lille aveva un ” Conseil des Sages “[consiglio dei saggi] composto da cinque o sei giocatori che avete consultato su questioni di squadra. Avrete la stessa cosa a Roma?

Noi faremo lo stesso qui, ma non ho ancora scelto quel gruppo. Voglio aspettare fino a quando non ho un’idea migliore di come i giocatori interagiscono e quali sono in sintonia con lo stato d’animo collettivo del gruppo.

Che cosa significa il Conseil per l’allenatore?

Abbiamo una migliore possibilità di raggiungere il successo se i giocatori si sentono come attori protagonisti nel nostro progetto.

Esiste un rischio di allenare i giocatori che non sono coinvolti?

No, questo non è importante. Cinque giocatori possono essere parte delle Conseil des Sages , ma gli altri 20 sono altrettanto importanti per me e altrettanto importanti per la vita quotidiana della squadra. E i giocatori che fanno parte del Conseil des Sages dovrebbero essere i giocatori che sono riconosciuti dagli altri per la loro esperienza, le loro qualità sul campo e le loro qualità come persone.

Come funziona? Parli a intervalli regolari?

No, è meno formale di quello. Durante alcuni periodi potrei non parlare con il Conseil per un mese, due mesi anche. Ma altri periodi potrei parlare con loro due volte a settimana.

Un giocatore che potrebbe aspettarsi di essere parte di questo Conseil è Francesco Totti. Come è stato per voi di lavorare con lui?

Francesco non è solo un giocatore formidabile – un ” fuoriclasse “, come si dice in Italia – ma anche un uomo con grandi qualità al di fuori del calcio. Per me è uno dei migliori giocatori nella storia di questo sport. Quello che mi piacerebbe davvero è vincere qualcosa con lui a Roma.

Ci sono quelli che credono che la sua presenza è una spada a doppio taglio. Totti è idolatrato dai fan, e con una così intensa attenzione dei media potrebbe essere difficile per voi lasciarlo fuori se ha iniziato a giocare male?

No. Per me la cosa importante è essere sempre chiaro con il giocatore. La cosa importante è il mio rapporto con il giocatore. Quindi, con Francesco, proprio come con chiunque altro, l’importante è solo essere chiari sulla situazione.

Il tuo primo derby di Roma è previsto per la metà di settembre. Dopo che la Lazio ha battuto la Roma in Coppa Italia i loro fan hanno tenuto un funerale finto per la tua squadra nei pressi dello Stadio Olimpico …

Il calendario degli incontri ci da la possibilità di risuscitare dai morti molto rapidamente.