Roma Calcio » AS Roma News » Non Solo Roma - Notizie delle altre squadre » Calcio, Neymar confessa: “Tre anni fa ho pensato di smettere”

Calcio, Neymar confessa: “Tre anni fa ho pensato di smettere”

Il fuoriclasse brasiliano rivela un retroscena sul suo passato

Neymar al Barcellona

Neymar al Barcellona

CALCIO NEYMAR SMETTERE / ASROMALIVE.IT – E’ uno dei calciatori più forti al mondo ed oggi può vantarsi di giocare al fianco del numero uno riconosciuto da tutti Leo Messi; il brasiliano Neymar, neo acquisto del Barcellona, si è raccontato attraverso un libro arrivato sul mercato pochi giorni fa in Brasile.

L’attaccante del Barcellona ha confessato che la sua ammirazione per Messi è nata nella finale del Mondiale per Club della Fifa nel 2011, quando l’argentino ha guidato il Barca alla goleada per 4-0 sul Santos. «In quel giorno ho potuto ricevere l’affetto ed il rispetto di un mito come è Messi. Oltre al suo grande calcio, alla sua genialità in campo, l’umiltà del 10 argentino è ammirabile», ha sottolineato Neymar, che si è trasferito quest’anno al Barcellona dove spera di aiutare Messi «a conquistare più titoli possibile». A sua volta, in alcune dichiarazioni da Beting, il padre dell’attaccante, Neymar da Silva Santos, ha rivelato che suo figlio e «Leo» si sono scambiati messaggi via sms alla vigilia del passaggio del brasiliano al Barça: «Proprio Messi ha voluto parlare con Neymar Jr. quando sono uscite quelle voci, secondo le quali non sarebbe stato ben ricevuto nel club. Messi e mio figlio si sono scambiati vari sms. E l’argentino gli ha detto che tutti erano ansiosi del suo arrivo al Barça, e che sarebbe stato ricevuto molto bene da tutti», ha aggiunto il papà del bomber. D’altra parte, Neymar ha rivelato che è arrivato a pensare di abbandonare il calcio nel 2010, quando fu sospeso dal Santos dopo aver litigato con l’allora allenatore della squadra, Dorival Junior, che poi è stato licenziato dal club. «Quello è stato uno dei peggiori giorni della mia vita», ha confessato Neymar, che ha aggiunto che, se non fosse stato per l’appoggio che ha ricevuto dai suoi amici e dalla sua famiglia, «sicuramente avrebbe abbandonato il calcio».

Fonte: AdnKronos