Roma Calcio » AS Roma News » Roma – Verona, le pagelle dei giallorossi. Maicon decisivo, Ljajic si presenta al top

Roma – Verona, le pagelle dei giallorossi. Maicon decisivo, Ljajic si presenta al top

Diamo i voti alla squadra capitolina dopo il match dell’Olimpico

L'esultanza giallorossa al gol di Pjanic

L’esultanza giallorossa al gol di Pjanic

ROMA-VERONA PAGELLE / ASROMALIVE.IT – Un primo tempo abulico ed un secondo da grande squadra per la Roma contro il Verona, nella seconda giornata di campionato. Il 3-0 finale premia una prova concentrata e vincente, senza mai rischiare di subire gol se non nel finale ormai scritto. Diamo i voti ai calciatori giallorossi dopo la partita odierna.

Le pagelle dei giallorossi:

DE SANCTIS 6,5 – Non viene quasi mai impegnato ma dà una grande sicurezza al reparto.

MAICON 7,5 – Gran merito del successo è suo, propizia il vantaggio con una discesa vincente aiutata dall’autogol di Cacciatore.

BENATIA 7 – Concentrato e bravissimo negli anticipi, non soffre mai Toni.

CASTAN 6,5 – Gara senza fronzoli ma condita dalla solita irruenza che porta ad un evitabile cartellino giallo.

BALZARETTI 6,5 – La sostanza è tanta, i piedi sono quelli che sono. Comunque da applausi per l’impegno.

DE ROSSI 7 – Fatica a far girare il centrocampo nel primo tempo, poi diventa lucido e generoso fino all’ultimo.

PJANIC 7 –  Se dal punto di vista tattico deve ancora trovarsi, mostra una capacità tecnica senza pari. Il cucchiaio del 2-0 è sublime. Dal 72′ BRADLEY 6 – Fa il compitino a gara ormai decisa.

STROOTMAN 6,5 – Grande impegno e forza fisica, la condizione non è al top ma tra inserimenti e palle conquistate è da promuovere. Dal 86′ TADDEI SV

FLORENZI 6 – I movimenti sono giusti, ma oggi il piede non va. Sbaglia un paio di occasioni nitide. Dal 52′ LJAJIC 7 – Prima agisce da portafortuna, perché appena entrato la Roma passa in vantaggio, poi entra a pieno nel merito della vittoria con uno splendido gol di benvenuto.

TOTTI 7,5 – Sarà banale ma il capitano continua a stupire per efficacia e costanza, anche se gli manca brillantezza sotto porta. I suoi tagli in verticale sono sempre magici.

GERVINHO 6 – Fatica a trovare la posizione all’inizio, poi si sblocca ed è più fluido, ma quanti errori davanti a Rafael.

GARCIA 7 –  La sua Roma in qualche modo gira da grande squadra, ma servirebbe maggiore rapidità di manovra, oltre ad un punto di riferimento che dia profondità. L’impressione è che si possa crescere molto, ma la base è già buona.

Keivan Karimi