Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma – Verona, tutte le interviste del post-partita (Audio)

Roma – Verona, tutte le interviste del post-partita (Audio)

Riassumiamo i pareri rilasciati dai protagonisti ieri sera all’Olimpico

Il riscaldamento della Roma

Il riscaldamento della Roma

ROMA VERONA INTERVISTE / ASROMALIVE.IT – Resoconto delle interviste nel post-partita dello stadio Olimpico, dopo la vittoria convincente per 3-0 della Roma sul Verona che lancia la squadra di Garcia a punteggio pieno in classifica:

GARCIA A ROMA CHANNEL

Che sensazioni ha avuto qui all’Olimpico?
Era importante oggi vincere, peccato non ci fosse la Sud ed ho chiesto ai ragazzi di giocare per loro.

Come ha fatto ad entrare nella testa dei giocatori e nei meccanismi della squadra?
Sono giocatori intelligenti e di talento ma la cosa più importnate è avere un’identita di gioco e piano piano arriverà tutto. è fondamentale giocare di squadra e mi piace lo stato d’animo collettivo. Abbiamo sei punti e dobbinamo rimanere umili e tranquilli.

Dove può crescere la squadra?
Il Verona era chiusa ma sappiamo che potevano giocare a 6 in difesa senzalasciare spazi. Dobbiamo essere piu pazienti e giocare più di prima con più movimento ed il caldo non ha aiutato. Nel secondo tempo con più movimento possiamo fare cose belle.

Negli ultimi anni tiravamo poco, ora invece…
Quando giochiamo contro una squadra schierata, tirare da fuori ti può portare al gol. Abbiamo tanti centrocampisti con un buon tiro e bisogna sfruttarlo. Anche Ljajic ha fatto un gol importante nel suo esordio.

Mandorlini ha detto che la Roma è equilibrata anche in attacco, le fa piacere?
Molto piacere, perchè oggi loro erano chiusi bene. Parlando del secondo gol è un gol di grande classe. Tutti hanno giocato bene e sono cont.ento, ma andiamo piano piano e con umiltà perche a Parma sarà difficile

A partita sbloccato Gervinho può essere devastante…
Si perchè ha l’uno contro uno cosi come Ljajic. Quando abbiamo più spazi la velocità di Gervinho è importnate per noi.

GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

La curva sud chiusa non mi piace, ma la prossima partita in casa saranno tutti là, ma oggi abbiamo fatto una partita intelligente. Sappiamo che il Verona ha qualità e difende bene. Abbiamo un equilibrio che mi è piaicuto e bisogna essere pazienti anche quando le squadre sono chiuse.

E’ una Roma paziente, questa è la sua tematica di gioco?
Si abbiamo deciso di iniziare forte. Nel primo tempo faceva anche caldo e non era una buona cosa per i movimenti che volevo. Dovevamo giocare piu di prima ma se non ci sono spazi non è facile trovare soluzione. Con la pazienza e piu movimento nel secondo tempo abbiamo fatto buone cose. Vincere due partite è un buon inizio ma dobbiamo rimanere umili che la stagione è lunga.

La Roma spesso non chiudeva le partite, sta cambiando la cattiveria?
Quello che succedeva non lo so, ma l’importante è continuare a giocare anche dopo il gol. Il tempo dopo il primo gol è importante.

E’ vero che per lei è piu importante la mente che i piedi?
Tutto è importante. Serve talento ma non è sufficente. Oggi abbiamo visto che ogni giocatore lavora per il compagno e questo è fondamentale perchè i ragazzi lavorano con entusiasmo e lo ritroviamo in partita. Con la gioia di giocare insieme possiamo fare belle cose.

Lei sente che la squadra ha recipito il messaggio della pazienza?
Dobbiamo giocare anche con la testa. Il primo gol è stato fortunoso, ma se attacchiamo tanto e tiriamo da fuori area c’è possibilità che arrivi il gol. Ma il secondo ed il terzo sono gol bellissimi. Pjanic ha segnato di classe e sono contento per Ljajic così come di Gervinho.

Cinque gol fatti e zero subiti, dato importante?
Meglio così, perchè abbiamo bisogno di mettere i tifosi dietro di noi e quando tutti vedono che la squadra gioca forte ed è unita e combattiva, allora la gente riconoscono la squadra.

GARCIA A SKY

Una partita intelligente, le piace?

Si anche il lavoro del primo tempo era importante per il secondo tempo, perchè sappiamo che questa squadra gioca bene in difesa, è forte in contropiede, ma abbiamo un equilibrio di squadra che mi è piaciuto, il primo gol è sempre il più importante in queste partite.

5 gol fatti 0 subiti, le manca un centravanti o questa è una soluzione definitiva?
Abbiamo un centravanti, ne abbiamo 3 Francesco può giocare là, quando giochiamo con due giocatori veloci sulle fasce va bene così, abbiamo anche Borriello che ha un profilo differente e aspettiamo anche Mattia Destro.

Borriello è l’unico centravanti puro a disposizione
Io non gioco con uno a destra uno a sinistra e uno al centro, gioco con tre attaccanti che possono cambiare posto per dare incertezza alla difesa avversaria, per il momento hanno capito bene le cose.

Pjanic, De Rossi e Strootman sono titolari, siccome in passato c’è stata confusione su Pjanic e De Rossi questo è importante
Si è importante, ma per il mio gioco il centrocampo è fondamentale, abbiamo giocatori forti, oltre a loro c’è anche Bradley che a Livorno ha fatto una partita enorme, possono giocare anche Taddei, Marquinho, Florenzi abbiamo tante soluzioni a centrocampo.

De Rossi sembra cambiato, lei sta trasferendo lo spirito di aiutarsi a vicenda?
Per parlare dell’anno scorso è difficile per me, però io ho detto ai miei giocatori che dobbiamo giocare di squadra, dobbiamo aiutare il compagno e giocare con entusiasmo, abbiamo visto oggi che quando c’è la gioia di difendere e attaccare insieme siamo una buona squadra.

Quagliarella può essere l’ultimo colpo?

Io sono contento con i miei giocatori, giocare da squadra è fondamentale per noi per fare bene. Che vuol dire mercato? (ride, ndr)”.

GARCIA A MEDIASET

5 gol fatti e nessuno subito, una grande notizia, primo tempo di studio e poi?
IL primo tempo era un po’ chiuso, ma tutto il lavoro del primo è stato importante per il secondo tempo, questa partita contro il verona che difende bene e va velocemnte in contropiede è importante fare il primo gol, sono contento per i 6 punti.

Fate gol anche senza centravanti?
Un centravanti di peso diverso da Totti e Destro lo abbiamo in panchina, Borriello, ma ho bisogno di giocatori diversi, con Francesco prima punta abbiamo velocità sulle fasce, nel primo tempo faceva caldo ed eravamo bloccati, nel secondo un bell’inserimento di Maicon e un buon Gervinho, gran gold i Ljajic.

Le va bene così l’attacco?
Si va bene, ma mancano due giorni per vedere le cose, anzi uno: dopo con Sabatini vedremo se c’è da fare qualcosa, oggi è importante vincere questa partita, sapevo che era molto difficile, non era facile vincere così.

Quale è la condizione fisica della squadra?
MI sembra che per il momento la condizione fisica è buona, il lavoro del primo tempo è importante, perché non abbiamo fatto gol, ma abbiamo avuto alcune occasioni da gol, dopo quando continuiamo ad attaccare è venuto il primo gol.

LJAJIC A ROMA CHANNEL

Non poteva iniziare meglio, quali le sensazioni?

Sono felice di quello che è successo, sia per la squadra che per i tifosi. Abbiamo vinto e dobbiamo continuare così.

Come è costruito questo gol?
Mi sono girato ed ho tirato subito. Spero di farne tanti di gol.

Hai aperto gli spazi, è una tua caratteristica?
L’anno scorso giocavo con il possesso palla ed anche Garcia voleva cosi. Il primo tempo non avevamo spazio e nel secondo sono arrivati.

Come aspetti il derby?
Non voglio pensare a questo, ma voglio pensare a Parma che è importnate, dopo penseremo alla Lazio

A chi dedichi la giornata?
Alla mia famiglia che è sempre con me.

LJAJIC A SKY

Non ce la facevamo più a sentire il tuo nome sul mercato…
Non ce la facevo neanche io, dico la verità (ride, ndr).

È stato un lungo tormentone.
Sì, davvero troppo lungo. Adesso sono molto contento di quello che è successo, sono arrivato a Roma, una squadra molto forte, adesso posso allenarmi tranquillo.

Lamela all’esordio con la maglia della Roma aveva segnato all’ottavo minuto, tu al nono minuto.
Non lo sapevo, bello. Sono molto contento soprattutto per i miei compagni, per la squadra, per i tifosi, per questa vittoria, che è molto importante, era la prima partita in casa, davanti ai nostri tifosi, abbiamo vinto, è una vittoria molto importante.

Che impressione ti ha fatto giocare con Totti?

Ho avuto tanta fortuna perché alla Fiorentina ho avuto un allenatore che ha sempre voluto giocare con il possesso palla, ora sono arrivato a Roma e il nostro allenatore vuole la stessa cosa. Sono molto contento di questo perché mi piace giocare così, è molto importante, perché se giochiamo così possiamo vincere contro tutti. Non posso parlare tanto di Totti perché è un giocatore incredibile, un uomo incredibile, è difficile parlare di lui perché si sa tutto e non so cosa posso dire di nuovo.

Cosa ti ha spinto a scegliere la Roma e non il Milan?

Io adesso sono a Roma, sono molto contento, ho deciso di venire qui. Questa è la mia scelta, voglio continuare ad allenarmi così e a giocare così. Poi, del passato non voglio neanche parlare. Ho sempre parlato con la Fiorentina per il mio rinnovo, non abbiamo trovato l’accordo, ho parlato con il mio procuratore e mi ha detto che c’era la Roma, ho subito deciso di venire qui.

Il Milan era in gioco, vero?
Ho sentito dire che c’era, sì. Rispetto tanto tutte le squadre, anche il Milan, ma adesso sono un giocatore della Roma.

BENATIA A MEDIASET PREMIUM

Soddisfatto per il match di oggi? 
Sì, abbiamo fatto una buona partita, siamo stati pazienti nel trovare il gol, perché con il Verona tutto chiuso dietro è difficile segnare. Dopo il gol di Maicon la partita è stata più facile. Tutta la squadra ha lavorato molto quest’oggi, il mister dà fiducia a tutti. Abbiamo avuto diverse opportunità per segnare e, ripeto, siamo stati pazienti e poi abbiamo sbloccato il risultato”

PJANIC NEL POST PARTITA

Cosa è cambiato nella Roma? 
La determinazione che abbiamo dopo la stagione scorsa. La squadra è molto forte, siamo dentro nella partita, siamo pazienti, oggi abbiamo dimostrato la forza mentale della squadra nel cercare il gol anche nel secondo tempo. Si sono dette tante cose su di me durante il mercato, ma con il mister ci siamo presi subito. Garcia ha dato fiducia a tutta la squadra, abbiamo tanta voglia. Io so quello che ci siamo detti, lo ringrazio, sono molto contento fino ad ora, vogliamo continuare così perché la stagione è molto lunga.

5 gol realizzati, nessuno subito. Cosa è cambiato?
L’ambiente e la determinazione di tutti. Abbiamo una squadra forte, entriamo subito dentro la partita e siamo pazienti. Oggi abbiamo segnato nel secondo tempo: la determinazione è importante

Quanto ti aiuta il tuo rapporto con Garcia?
Tanto. Hanno detto tante cose su di me durante il mercato. Tra me e il mister c’è stato fin da subito un ottimo rapporto, ha dato fiducia a tutta la squadra, giochiamo con voglia e quello anche grazie al mister

Ha detto di vendere tutti, ma non Pjanic… Questo ti aiuta a giocare a mente libera
Lo ringrazio, davvero. Un abbraccio così l’ho fatto con tutta la squadra, io voglio continuare così.

MAICON NEL POST PARTITA

Cosa si prova fare un gol all’olimpico?

Sono contento ed emozionato. Questo gol è stato per ringraziare tutta la fiducia che mi hanno dato.

Una squadra che sa soffrite e poi colpire…
Sappiamo che adesso tutti aspetteranno per poi colpirci in contropiede. Oggi in partita abbiamo fatto tutto cio per qui abbiamo lavorato.

Come vedevi la Roma prima ed ora cosa hai provato dentro?
E’ una squadra che ti mette sempre in difficoltà ed ora che sono qui so la forza che c’è nella Roma.

Cosa hai trovato in questa squadra? C’è piu pazienza, esperienza?
Si, ma anche la pazienza dei tifosi. Anche loro devono sapere che non sarà facile. Io ho trovato una squadra con voglia di fare bene. Due vittorie prima della pausa sono importnate. Quando torniamo dobbiamo continuare cosi, lavoriamo bene

Ti alleni bene, anche in modo specifico. Come stai?
Dopo un anno senza giocare un apartita intera è difficile riprendere. La società mi ha dato la possibilità di lavorare a modo mio e di lavorare insieme al prof Chinnici.

Quanto sei consapevole della tua importanza?
Sono consapevole di essere importante, ma non solo io. Dobbiamo tenere l’atteggiamento avuto in queste due partite. La Roma quest’anno farà meglio dell’anno scorso.