Roma Calcio » AS Roma News » AS ROMA Assemblea degli azionisti a Trigoria. Cappelli: “L’aumento di capitale? Soldi già anticipati”. Baldissoni: “Progetto stadio in fase avanzata”

AS ROMA Assemblea degli azionisti a Trigoria. Cappelli: “L’aumento di capitale? Soldi già anticipati”. Baldissoni: “Progetto stadio in fase avanzata”

Italo Zanzi

Italo Zanzi

Presso la Sede Sociale in Roma, Piazzale Dino Viola n. 1, si sta svolgendo dalle ore 15.00 l’Assemblea degli Azionisti dell’As Roma, per discutere e deliberare sul seguente

ORDINE DEL GIORNO:

1. Approvazione del progetto di bilancio al 30 giugno 2013; delibere inerenti e conseguenti;

2. Relazione sulla remunerazione ai sensi dell’ art.123-ter del D.Lgs. n.58 del 24 febbraio 1998 e successive modificazioni e integrazioni;

3. Adeguamento della tempistica relativa all’offerta in opzione ai soci dell’aumento di capitale sociale scindibile a pagamento per un ammontare massimo di Euro 80.000.000,00 (ottantamilioni/00) deliberato dall’Assemblea degli Azionisti in data 30 gennaio 2012; deliberazioni inerenti e conseguenti.

Ore 15.00 Arrivano nel centro sportivo il direttore generale Mauro Baldissoni, Claudio Fenucci, Roberto Cappelli ed il CEO Italo Zanzi. All’assemblea sono presenti 40 azionisti, il 78% del capitale sociale

Ore 15.15 Prende la parola Italo Zanzi: “Vi ringrazio di essere qui, vi mando i saluti di James Pallotta, benvenuti nella casa della Roma, la vostra casa. Ringrazio Roberto Cappelli, presenzierà lui l’assemblea, visto che il mio italiano non è ancora molto fluente”. Poi è il turno di Roberto Cappelli: “Ricordiamo che il capitale della società As Roma s.p.a. è così suddivisa: Neep Roma Holding SPA 60% di proprietà di James Pallotta, 31% Unicredit, 9% Raptor”.

Ore 15.35 Si comincia con l’approvazione del bilancio, Roberto Cappelli: “Al 30 giugno 2013, il bilancio si chiude con una perdita di 43 milioni, che verranno ricoperti con vari introiti percepiti da scuole giovanili ed altre riserve”.

Ore 15.40 La parola all’azionista Franco Angeletti: “Effettuare l’assemblea nello stesso giorno in cui c’è quella della Lazio è una mancanza di rispetto, negli azionisti della Roma possono essere presenti anche azionisti della società biancoceleste. Il presidente Pallotta nelle assemblee non si è mai presentato, il patrimonio è in continuo detoriamento. Non va dimenticato che noi abbiamo in squadra il giocatore più pagato della Serie A che è Daniele De Rossi, anche se la Roma raggiungerà una qualificazione europea poi ci saranno spese per ampliare la rosa. Bisogna stare attenti alla politica dello stadio per quanto riguarda i biglietti”.

Ore 15.45 L’azionista Ponziani: “Approvo tutto quello che sta facendo questa società”.

Ore 15.50 Parla ora l’azionista Iadicicco: “La prima domanda è quella societaria, la perdita di esercizio di 43 milioni credo sia già in parte recuperata in questi mesi, anche grazie alla campagna acquisti che ha portato un utile di circa 10 milioni. Per quanto riguarda la gestione della società: chiedo all’attuale management se la quotazione sarà mantenuta anche in altri paesi europei, io credo sia utile l’azionariato diffuso, ma così noi azionisti piccoli non conteremo nulla a meno che non si cresca di valore. Le azioni stanno crescendo grazie alle prestazioni della squadra, ci sono tutti fatti positivi dal punto di vista borsistico. La domanda è questa: manteniamo questo valore per le azioni della Roma?. Per quanto riguarda il lato sportivo la società sta raccogliendo i frutti dopo i due anni di sofferenza. Daniele De Rossi non è da criticare perchè rappresenta un valore aggiunto, non bisogna metterlo in discussione, perché non è stato difeso in estate?”.

Ore 16.00 Ancora Angelini: “Una domanda: stadio ancora priorità per fare soldi? Sono passati due anni e non sappiamo nulla”

Ore 16.05 Pizzicaria: “Un saluto a Baldini. Sabatini è riuscito a far incassare ma la priorità non deve essere la società, ma i tifosi. Borriello per me è ancora poco valorizzato”

Ore 16.10 Riprende la parola l’azionista Campanile: “Ci asteniamo da votazioni, non abbiamo elementi per giudicare sullo stato di salute del club. Vorremmo, però, notizie sulla diatriba con la Kappa. L’affitto di Trigoria – aggiunge- è diminuito ma chiediamo copertura fotovoltaica su campo DiBartolomei, biglietteria e ristorazione in loco. Vorremmo sapere l’entità dell’accordo con la Nike e di tutti le altre partnership, che risulta inferiore del 30% rispetto a quello di altre società”. Sui Diritti radio: “Perché non asta pubblica? In un anno disastroso – continua l’invettiva -, chi ha deciso aumento soldi alla Raptor ? Inoltre RomaCares cos’è? Chi l’ha fondata? Perchè non abbiamo un Main Sponsor?”.”Nei sondaggi per lo stadio, perchè non sono previste standing areas e aree per disabili?” Walter Campanile torna poi sul tema dello stemma: “Guerra al falso, il cambio dello stemma ha impoverito il potere sul nostro nome. Cerchiamo di trovare un compromesso su stemma nel quale i tifosi s’identificano da sempre”

Ore 16.27 Finite le domande degli azionisti, la dirigenza si è riunita e tra una ventina di minuti risponderà agli azionisti

Ore 17.45 Interviene Roberto Cappelli:

In merito all’Assemblea della Roma nella stessa data della Lazio: “È curioso che si tenga conto proprio della Lazio quando ogni giorno si svolgono diverse Assemblee degli Azionisti. Non consideriamo la Lazio diversamente per esempio da Telecom o altro”.

Compensi Raptor: “Non c’è stato alcun aumento, è un contratto pluriennale. L’anno scorso era iniziato nel corso dell’anno mentre quest’anno ha durata di dodici mesi”.

Sul patrimonio netto negativo e sul motivo per cui non si adottassero decisione conseguenti: “È un’errata interpretazione, il patrimonio civilistico è positivo per 50 milioni”.

Sul numero elevato di consiglieri: “Mi limito a segnalare che i consiglieri non ricevono compenso ad eccezioni dei consiglieri esecutivi.

Sulla causa con Basic per il contratto Kappa: “La causa è appena stata avviata. Ci sono domande da parte della Basic e della Roma. Le nostro sono notevolmente più elevate, non ci sono accantonamenti in bilancio perché la causa è in una fase iniziale e al momento non abbiamo ritenuto necessario fare accantonamenti. Lo rivedremo ovviamente nel prossimo bilancio”.

Sullo stadio: “Interverrà l’avvocato Baldissoni”.

Sulla quotazione delle azioni: “Non siamo in grado di rispondere. Sono i soci a dover trarre le valutazioni, anche considerando l’aumento di capitale e il flottante che rimarrà dopo l’aumento di capitale”.

Sulle motivazioni per cui l’aumento di capitale non fosse stato ancora realizzato: “I soldi sono arrivati in anticipo rispetto all’aumento di capitale, tramite il socio di maggioranza”.

Sul fatto che la campagna acquisti conclusa in positivo potesse sopperire alle perdite di bilancio: “Bisognerò vedere nei prossimi bilanci che effetto avrà, sicuramente non serviva a sopperire alle perdite precedenti”.

Sulla Tikal Plaza: “La società non può far altro che prendere altro delle comunicazioni degli azionisti che dovrebbero comunicare quando salgono o scendono le quotazioni. La Tikal Plaza non ha più oltre il 2% delle azioni e lo comunichiamo”.

Sulla riduzione dell’affitto di Trigoria ed eventuali modifiche del contratto di leasing: “Nessuna modifica, la diminuzione dell’importo dipende solo da una rinegoziazione del rapporto”.

Contratto con Nike: “L’estensione delle informazioni è sottoposto agli accordi di confidenzialità e di tempismo, con il contratto che entrerà in vigore solo il prossimo anno. Ulteriori informazioni verrano date quando il contratto peserà sul bilancio”.

Sulle radiocronache: “Abbiamo accettato l’unica offerta ricevuta e ritenuta adeguata. Il valore del contratto non è enorme e l’operazione si può porre in essere”.

Sul presunto aumento dei costi per servizi: “A noi non risulta. Nel bilancio risulta che i costi sono aumentati da 22 milioni a 26, non da 14 milioni a 26 milioni”.

Sui costi delle tournée: “Non è vero ci siano solo costi ma anche ricavi. Il tour estivo si è chiuso in parità, per esempio”.

Parla Baldissoni risponderà in merito allo stadio, al contratto con la Disney e Roma Cares.

Sullo stadio: “Non ci sono ritardi, è stato avviato un percorso un anno e mezzo fa con un advisor internazionale. L’ultimo tratto di questo percorso è stato condiviso con il Comune ed è stata individuata l’area che fosse maggiormente compatibile con alcuni parametri. Il progetto è in fase molto avanzata”.

Sulla Disney: “C’è una piattaforma molto ampia e flessibile. Siamo partner eslusivo come squadra di calcio nel mondo. Il marchio della Roma compare così nelle sedi Disney e nel Centro Sportivo della Espn, societa Disney in Florida, dove si svolgono centinaia di iniziative non solo del calcio e dove compare il marchio della Roma come partner Disney. Stiamo valutando varie iniziative, in Italia e all’esterno, per avere dei ritorni commerciali e di indagine”.

Su Roma Cares: “Abbiamo voluto far conoscere la fondazione che stiamo costituendo e che presenteremo a breve, anche in collaborazione con Istituzioni locali”.

Claudio Fenucci risponde in merito ai diritti televisivi: “Come è noto, i diritti tv sono venduti dalla Lega di Serie A. C’è un confronto costruttivo all’interno della Lega per valutare quale sia il percorso più efficiente per la vendita dei diritti dal 2015 al 2018”.

Ore 18.10 Il bilancio è stato approvato con il 99.96 % dei voti favorevoli.

Ore 18.20 La politica societaria della remunerazione dei dirigenti è stata approvata con il 99.96% dei voti favorevoli.

Ore 18.20 Approvata dall’Assemblea la nomina di Italo Zanzi come componente del Cda.

Ore 18.27 Si procede ora alla votazione in merito all’aumento di capitale di 80 milioni. La Neep ha già anticipato l’intero importo.

Ore 18.39 La proposta è stata approvata con il 99.96% dei voti favorevoli.

Ore 18.45 L’Assemblea è terminata.