Roma Calcio » AS Roma News » AS ROMA Garcia: “Francesco Totti è uno dei più grandi giocatori della storia del calcio. Vorrei vincere con lui”

AS ROMA Garcia: “Francesco Totti è uno dei più grandi giocatori della storia del calcio. Vorrei vincere con lui”

Il tecnico Rudi Garcia ha concesso un’intervista in esclusiva ai microfoni di una emittente. Queste le sue parole:

L’inizio della stagione da parte della sua squadra dovrebbe deliziarla…

“Sì, ma al di là dei risultati che sono un buon inizio, è lo spirito della squadra che mi soddisfa. Questa è la cosa più importante. Abbiamo lavorato molto duramente per creare un gioco e una mentalità. Oggi, quando vedo la gioia negli occhi dei giocatori che ottengono risultati e la vicinanza del pubblico, credo che stiamo creando qualcosa”

Come ha fatto ad ambientarsi così rapidamente?

“Volevo imparare l’italiano in fretta, perchè pensavo fosse il modo migliore per ottenere rispetto nel paese cui si va a lavorare. Poi sono stato a lungo a colloquio con i giocatori per spiegargli la mia idea di gioco. Ho trovato una squadra molto criticata per il finale della scorsa stagione, quando ha perso la finale della Coppa Italia contro la Lazio. L’atmosfera era negativa. C’erano persino insulti, che non tollero. Ho iniziato da subito a proteggere i giocatori e a dare loro fiducia. Era la cosa più importante. Dico la verità quando dico che ho giocatori intelligenti oltre che di talento. Ognuno ovviamente, pensa immediatamente a Francesco Totti, ma ne ho altri. Anche Daniele De Rossi che è anche lui romano. Inoltre tutti quelli che sono arrivati si sono ambientati. La squadra ha cominciato ad avere carattere”

Che rapporto hai con Francesco Totti, l’idolo del club?

Semplice, Francesco Totti è uno dei più grandi giocatori della storia del calcio. Come tutti i grandi giocatori è umile, uno che lavora per gli altri. Lui non ha perso un solo allenamento. Quest’estate si è presentato in ottima forma fisica, avendo lavorato anche durante le sue vacanze, non chiedendo nessun favoritismo, è un piacere lavorare con un giocatore del genere. Il sogno sarebbe vincere qualcosa con lui.

Sul terreno di gioco è un giocatore che ha molta libertà…

Francesco può giocare in tre posizioni in attacco, ma anche da playmaker. E’ un giocatore di pallone. Gli piace toccarla. Abbiamo lavorato con lui per farlo giocare al meglio anche al servizio degli altri. E’ uno di quei giocatori che possono trovare un compagno che si è fatto vedere in un decimo di secondo. E’ molto importante per i giocatori che stanno intorno a lui sapere che possono contare su di lui.

Ti è dispiaciuto essere stato criticato da alcuni giocatori al tuo arrivo?

Non ho rimpianti da quando sono arrivato a Roma. Ho deciso di andare sempre avanti, di guardare il futuro. Questo è quello che ho detto ai giocatori, alla stampa e ai tifosi. Devono lasciarci lavorare, darci tempo e fiducia. Oggi è ancora eccessiva l’euforia che cerco di calmare. Non all’interno del club, perchè i giocatori mantengono i piedi per terra, ma da parte della stampa e dai tifosi. Questa è legittima, la comprendo, ma per ora questo è solo l’inizio. Spero che riusciremo ad arrivare in Europa. Sono due stagioni che il club non gioca la Coppa dei Campioni, abbiamo bisogno di ritornarci.

Fonte: Rmc