Roma Calcio » AS Roma News » AS ROMA Giannini: “Squadra da scudetto. Mi preoccupano gli infortuni di Totti e Gervinho”

AS ROMA Giannini: “Squadra da scudetto. Mi preoccupano gli infortuni di Totti e Gervinho”

Giuseppe Giannini

Giuseppe Giannini

Giuseppe Giannini, il famoso Principe, ha coronato uno dei sogni della vita professionale: diventare commissario tecnico. E’ da luglio in Libano, sta lavorando molto, adesso è impegnato nelle qualificazioni per la fase finale della Coppa d’Asia. “Abbiamo pareggiato recentemente con il Kuwait, siamo in corsa, ce la giochiamo”. All’inizio era stato accolto con diffidenza “semplicemente perché non ho una grande esperienza internazionale da allenatore. E nelle loro considerazioni ho un po’ pagato. Ma adesso va molto meglio, tatticamente si vedono i primi risultati, studiamo per migliorare. Abbiamo fatto gol dopo uno schema provato a ripetizione in allenamento, è stata una soddisfazione. Mi seguono, hanno voglia di crescere, durante le lunghe pause organizziamo proficui stage a Beirut. Insomma, non mi lamento certo. E ho imparato bene  l’inglese, aspetto fondamentale. Con il Libano abbiamo giocato quattro partite ufficiali: tre amichevoli con SiriaQatar Iran, più la recente sfida al Kuwait per la Coppa d’Asia. Insisterò con il 4-2-3-1, credo sia la strada giusta: davanti abbiamo gente rapida e tecnicamente all’altezza”.

Giannini non ha certo smesso di seguire la serie A. E si sta godendo il momento d’oro della Roma, otto vittorie in otto giornate. “Ha tutto per durare, la vedo da scudetto fino in fondo. Garcia è stato bravissimo, è entrato nella testa dei giocatori, risolvendo situazioni che si erano complicate, come quelle relative a De Rossi ePjanic. Anche Zeman giocava con il 4-3-3, ma sono cambiate diverse cose. L’equilibrio, la serenità, la convinzione: è una Roma completa. Mi preoccupano soltanto i recenti infortuni di Totti Gervinho, spero siano casuali e non il segnale di un dispendio eccessivo in questa prima parte della stagione. Già, perché laRoma va come un treno. In corsa fino alla fine, ripeto. La Juve sarà la rivale più temibile, vedo un po’ sotto ilNapoli perché a livello difensivo non mi convince. Risalirà il Milan, ne sono convinto. Anzi finirà tre le prime tre, riuscirà a rimontare. Io, intanto, spero di lanciare il Libano e seguo la Roma con l’affetto di sempre”.

Fonte: alfredopedulla.com