Roma Calcio » AS Roma News » AS ROMA Ljajic: “Non vedo l’ora di giocare dal 1°. La Juve? Ad oggi siamo piu forti”

AS ROMA Ljajic: “Non vedo l’ora di giocare dal 1°. La Juve? Ad oggi siamo piu forti”

Ljajic esulta con Gervinho dopo aver segnato (Getty Images)

Ljajic esulta con Gervinho dopo aver segnato (Getty Images)

Adem Ljajic ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Dimensione Suono Roma. Queste le sue dichiarazioni:

“Sono pronto, soprattutto a livello mentale non vedo l’ora di tornare a giocare dal primo minuto, dal punto di vista fisico speriamo di esserlo altrettanto”.

Che gara ti aspetto per domenica?

“Mi aspetto una partita bella, mi auguro di continuare a vincere, ho tanta voglia di giocare anche perche’ non ho giocato molto, ma finche’ vinciamo va bene cosi’ – confessa l’ex viola -. Ho avuto problemi con la schiena e ad un flessore, ora e’ passato tutto, mi alleno bene ma chi decide e’ soltanto Garcia”.

Garcia

“Lui ha metodi simili a quelli di Montella, fa molto possesso palla e tanti passaggi – spiega Ljajic -. Garcia comporta bene con i giocatori, parla con tutti e penso di avere la sua fiducia”.

Piu’ che positivo anche il clima che si respira nello spogliatoio:

“Non voglio pensare a come reagiremo alle sconfitte, voglio pensare solo a battere l’Udinese, squadra forte e giovane che puo’ crearci problemi”.

Con una vittoria, la Roma raggiungerebbe il record della Juventus di Capello di 9 successi di fila in avvio di campionato.

“Ma oggi siamo piu’ forti della Juve, abbiamo 5 punti in piu’ – ricorda Ljajic– Abbiamo tanta voglia di continuare cosi’, ma il campionato e’ lungo e dobbiamo ancora dimostrare chi siamo. I problemi arriveranno, ma il calcio e’ bello anche per questo”.

E uno e’ gia’ arrivato col ko Totti:

“Sara’ un problema grandissimo, lui e’ il giocatore piu’ importante ma tanti altri vogliono dimostrare di poter giocare e anche senza di lui dobbiamo vincere. Gervinho? Non mi piace fare paragoni con i miei compagni, ha caratteristiche diverse dalle mie, lui e’ piu’ veloce io sono piu’ tecnico ma lui e’ lui e io sono io”.

Fonte: dimensione suono roma