Roma Calcio » AS Roma News » FIFA Il Sergente Garcia sale di grado

FIFA Il Sergente Garcia sale di grado

Rudi Garcia

Rudi Garcia

“Garcia? Chi è questo? Piuttosto avremmo bisogno di Zorro”, diceva all’inizio della stagione un sostenitore della Roma le cui vacanze erano state rovinate dalla gioia incontenibile del tifosi della Lazio dopo vittorianella finale di Coppa Italia. Poche settimane più tardi,Rudi Garcia è diventato il beniamino di Testaccio, il quartiere popolare vera roccaforte dei romanisti. Otto partite, otto vittorie, una nel derby (2-0), miglior attacco (20 gol) , miglior difesa (un gol subito): a Roma furono incoronati imperatori per molto meno. Così la FIFA ha deciso di celebrare quanto sta facendo Rudi Garcia sulla panchina giallorossa.

L’ARRIVO – Quando ha firmato il suo contratto la scorsa estate, Rudi Garcia sapeva che era ben lungi dall’essere la prima scelta del club. Ma è entrato rapidamente nella pelle del personaggio – si legge sul sito fifa.com -. Durante la sua presentazione già parlava l’italiano. “L’ho fatto per rispetto dei tifosi. Tutti i dettagli sono importanti“, ha detto Garcia, sorpreso dal clima negativo che ha trovato intorno al club al suo arrivo. “Non mi piace, abbiamo bisogno di fiducia. Non mi piace essere critico con la mia squadra. Se ho qualcosa da dire la dico, ma la biancheria sporca si lava in famiglia”.

TOTTI – Allo stesso tempo, ha stabilito relazioni di complicità con il capitano Francesco Totti, l’ anima della squadra.”Francesco è una leggenda che continua a scrivere. Si tratta di un giocatore che non ha perso un solo allenamento da quando sono arrivato. E non chiede alcun privilegio. E questo è un giocatore con un grande umiltà, è tra i più grandi. Questo è il più grande giocatore che abbia mai avuto a disposizione” .

Garcia ha anche gestito una campagna acquisti impeccabile. Con la partenza di Maarten Stekelenburg , Pablo Osvald, Erik Lamela e Marquinhos, il mercato ha finanziato l’arrivo di giocatori esperti comeMehdi Benatia, Maicon, Morgan De Sanctis, Gervinho, che ha trovato le sue doti con il maestro che aveva già alLille, e soprattutto il nuovo fenomeno olandese, Kevin Strootman. “Molti grandi club erano interessati, ma quandoGarcia mi ha chiamato mi è piaciuto il suo discorso”, ha detto l’olandese che, insieme con Miralem Pjanic e Daniele De Rossi, è un centrocampista di alto livello.

DE ROSSI – Garcia è anche riuscito a convincere De Rossi, un altro “romano di Roma” a rimanere nonostante le richieste pressanti della Premier League. “Quest’anno la squadra sa dove sta andando, perché il mister prepara le partite in ogni dettaglio”, dice De Rossi diventato di nuovo un lavoratore instancabile.

LA DIFESA – Ma dove Garcia è più forte è nel fatto di adottare alcune regole del calcio vecchie, ma che valgono ancora come “difendere insieme in tutte le parti del campo”. E in questo, la coppia di difensori centrali Benatia-Leandro Castan non ha nulla da invidiare alle squadre più prestigiose. E a chi grida al miracolo dopo due stagioni di purgatorio con la Roma relegata a metà classifica, Garcia ha risposto con un sorriso che semplicemente “ha rimesso la Chiesa al centro del villaggio”.

OBIETTIVO SPRINT FINALE – Con otto vittorie consecutive, la Roma di Totti ha eguagliato la Juventus di Platini, ma l’obiettivo è quello di trovare un posto in Europa. “I favoriti per lo scudetto sono Juventus e Napoli”, dice l’allenatore francese, che ha vinto campionato e coppa di Francia nel 2011. “Ma forse possiamo cercare di giocarci la volata finale per il titolo con tutte queste squadre”, Garcia ammette timidamente, lanciato dal fervore dell’ambiente. Per la nona giornata a Udine il 27 ottobre, la Roma sarà priva del suo gladiatore Totti infortunato. Ma i giallorossi sono ben armati in avanti e si presentano con unsergente Garcia neo promosso imperatore.

Fonte: Fifa.com