Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » TORINO-ROMA Garcia: “Non possiamo vincere sempre. Un punto a Torino non è male”

TORINO-ROMA Garcia: “Non possiamo vincere sempre. Un punto a Torino non è male”

Rudi Garcia

Rudi Garcia

Ecco le parole di Rudi Garcia al termine di Torino-Roma:

La differenza con le altre partite, dopo il gol vi siete un po’ fermati

“Abbiamo giocato tutta la partita per vincere, anche sull’1-1 abbiamo attaccato tanto, fino alla fine, e mi è piaciuto. E’ il calcio, non possiamo vincere sempre, ma un pari fuori casa non è mai negativo, tutto va bene”

La gestione delle ripartenze dopo il gol, abbiamo visto che la squadra non èripartita come la solito. Forse perché a centrocampo ha messo giocatori con lo stesso passo, è mancato il guizzo di Pjanic?

“No, sono contento della partita di Bradley, avevamo giocatori più freschi, far giocare la terza partita in una settimana era importante e meritano di giocare. Anche Burdisso ha fatto una bella partita e sono contento di lui”

Non si parlerà più di record, un peso in meno?

“Per noi non era un peso, ora voi dovrete cambiare (ride, ndr)”

Dove si è sbagliato stasera?

“Senza Totti e Gervinho abbiamo meno soluzioni, non era possibile giocare dall’inizio con Borriello e Ljajic, il cambio era necessario per entrambi. Dopo è difficile vincere senza attaccanti sul campo, per questo ho fatto questa scelta. Nel primo tempo non abbiamo sofferto nulla sulle ripartenze, il Torino aspettava solo un nostro errore. Nel secondo tempo si sono aperti più spazi”

Cosa è successo nella parte centrale della gara?

“Non dico nulla sulle decisioni arbitrali, non ho visto nulla. Ma abbiamo preso un gol dove Benatia era primo sulla palla e il giocatore del Torino era indietro. Non so se era fallo, ma sicuramente è un fatto di gioco. Il pareggio ha cambiato tutto e il Torino ha fatto una strategia tutta indietro e ripartire. Per noi forse era più facile così per segnare un secondo gol, ma è così. Su Maicon? Forse non è successo nulla”

L’arbitraggio le è piaciuto in assoluto?

“Io faccio solo il mio mestiere, l’arbitro fa il suo. L’allenatore, il giocatore, gli arbitri sbagliano. Non fa niente, sfruttiamo questo punto che non è mai negativo in trasferta e facciamoci trovare pronti per vincere la prossima partita”

Juve-Napoli arriva al momento giusto per voi per la lotta al vertice, che è davvero appassionante

“Oggi bisogna guardare ai risultati degli altri, ma speriamo di fare punti la prossima giornata per guadagnare vantaggio su uno o sull’altro”

ASCOLTA L’AUDIO

Fonte: Sky Sport

Com’è il primo pareggio

“Un punto in trasferta non è mai negativo. Ma quando siamo sopra di un gol è vero che speriamo sempre di vincere. Mi è piaciuto che la mia squadra ha provato a vincere fino alla fine”

Che vi siete detti con Banti

“Niente, lui fa il suo mestiere e spero che non si è sbagliato. Ma sono fatti di gioco. Mi è piaciuto che la squadra abbia giocato con qualità e talento soprattutto nel primo tempo, la volontà di vincere fino al 90′”

Preoccupato di Napoli e Juve?

“Quando non vinciamo come oggi è interessante guardare i risultati degli altri ma noi dobbiamo essere già pronti per la prossima, vincerla anche se sarà difficile. Dobbiamo vincere, così è sicuro che non avremo bisogno di guardare le altre. Domenica prossima se vinciamo prendiamo punti a una delle due o entrambe le inseguitrici”

L’esclusione di Ljajic?

“Sia lui che Borriello hanno giocato 180′ in 2 partite. Se avessero iniziato la partita entrambi sarebbero stati stanchi dopo 60′. Non abbiamo soluzioni d’esperienza in panchina”

Il fallo da rigore su Pjanic è evidente

“Non ho visto, lo vedo adesso. Per me è così, ma anche gli arbitri possono sbagliarsi. E’ un fatto di gioco. Una cosa interessante sarebbe guardare la classifica senza errori arbitrali, sarebbe divertente. E’ difficile arbitrare, c’è tanta velocità, ma non è questo che ha cambiato il risultato oggi”

Pjanic e Florenzi hanno faticato a trovare la posizione

“Era importante per Borriello iniziare dal 1′ dopo il gol. Sapevamo che il Torino prende gol nell’area. Eravamo sopra di un gol, speravo che il Torino uscisse un po’ dopo aver giocato un tempo dietro. Sull’1-1 la loro strategia è stata sempre la stessa, è difficile segnare un gol quando non abbiamo molte soluzioni davanti come Totti, Gervinho”

Possono rientrare col Sassuolo?

“Abbiamo una settimana per vedere”

Nel secondo tempo avete faticato, non siete riusciti a salire

“E’ merito del Torino, giocare qui è difficile. Le altre squadre che hanno giocato o giocheranno qui faticheranno. Abbiamo visto anche come ha vinto la Juve qui. Un punto a Torino non è mai negativo. E’ normale che quando la squadra di casa è sotto di 1 gol alza il baricentro e sale di più. Dopo il loro gol noi abbiamo continuato ad attaccare e loro hanno aspettato il nostro errore”.

ASCOLTA L’AUDIO

Fonte: Mediaset Premium

Si può essere arrabbiati per un pareggio?

“Pareggio in trasferta a Torino non può essere negativo”

Vi è mancato Ljajic?

“Era previsto così non si poteva iniziare con lui, e Borriello. Se dall’inizio giocavano dopo 60-70’ dovevo cambiarli e non avevo tante soluzioni in panchina”

Quando torna Gervinho?

“Spero contro il Sassuolo, abbiamo una settimana ancora, sta molto meglio. Già il capitano sta fuori, dobbiamo aspettare che per loro tutto stia bene per rientrare in gioco”

Il 4-4-2 o 4-2-4 del Torino te lo aspettavi?

“E’ vero, D’Ambrosio è molto forte ma Florenzi ha difeso molto bene. Non ho visto la mia squadra fuori posizione anche Cerci è un pericolo col sinistro. Il gol che abbiamo preso non eravamo fuori posizione, abbiamo difeso bene, Benatia era il primo sulla palla. E forse c’è mano”

Qualcosa da recriminare?

“Tutti possono sbagliare, l’allenatore, i giocatori. Facciamo tutti errori, devo guardare tutte le cose. Questa sera mi è piaciuto lo spirito”

Bel finale, complimenti. Meglio parlare di domenica in domenica

“Sono d’accordo”

Avete pareggiato e incassando un gol. Rischia di essere un contraccolpo?

“E’ un peccato più per i giornalisti. Noi siamo contenti, 31 punti su 33: una partenza eccezionale. Gli altri non mollano ma dobbiamo essere pronti per la prossima gara che se vinciamo prendiamo punti su una squadra o su tutte e due”

Conoscendo Roma e l’ambiente domani ce l’avranno molto con Banti. Lei merita un applauso

“E’ così, sicuro che dobbiamo fare di piu per vincere l aprossima partita e non avere bisogno di un errore o aiuto di un arbitro. Tutto è veloce, non è facile per lui”

Fonte: Rai Sport

“Fare un pareggio in trasferta, a Torino, è un risultato positivo. Sono deluso perché eravamo in vantaggio ma mi è piaciuto molto il cercare di vincere fino alla fine”.

Di arbitri non parla o ha preferito evitare?

“Non ho visto bene le immagini. Se l’arbitro si è sbagliato, è lo stesso per i giocatori e gli allenatori: fa parte del gioco. Abbiamo giocato contro una buona squadra con un giocatore fortissimo come Cerci, ma i granata si sono difesi e hanno sfruttato un errore nostro. Era importante stare in vantaggio, il pari ha cambiato tutto: la strategia loro era quella di renderci difficile trovare spazi. Sono soddisfatto dei miei giocatori”.

Paura di contraccolpi?

“Noi lavoriamo ogni giorno con la squadra, solo per preparare partita dopo partita. Noi abbiamo un occhio differente, perché siamo dentro. Guardando indietro la serie di vittorie era eccezionale, per noi non era così perché pensiamo solo a vincere ogni gara: questo pareggio non cambierà le cose”.

Fonte: Conferenza Stampa