Roma Calcio » AS Roma News » MILAN Allegri: “La Roma merita la posizione che ha. Totti? Speravo non ci fosse”

MILAN Allegri: “La Roma merita la posizione che ha. Totti? Speravo non ci fosse”

Il tecnico Massimiliano Allegri

Il tecnico Massimiliano Allegri

Prima della conferenza stampa, il tecnico rossonero Massimiliano Allegri, ha parlato ai microfoni di Milan Channel. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni, riportate da milannews.it: “Roma? Domani è una partita che a livello di motivazioni sono già presenti. La Roma sta facendo ottime cose, prende pochi gol e merita la sua posizione in classifica. Saponara? Domani dovrò trovare un giocatore che componga il trio di attacco. Valuterò quelli che ho, purtroppo abbiamo riperso El Shaarawy e mi dispiace molto. Uno tra Saponara, Niang e Matri giocherà in quel ruolo”.

Durante la conferenza stampa parla ancora della partita con i giallorossi e della stagione della RomaDevo fare i complimenti a Sabatini e Massara. Hanno costruito una squadra forte tecnicamente e fisicamente, affidata ad un allenatore che si è calato subito nel campionato italiano. La Roma ha subito pochissimi gol e questo già offre la cifra di questa squadra e la classifica lo dimostra. Spero che la Roma domani perda, servirà una grande partita. I giallorossi sono solidi e se vanno in vantaggio è difficile rimontare. Contro la Fiorentina ha giocato un’ottima partita. Sfida Balotelli-Totti? Due grandissimi giocatori. Io avrei preferito che Totti non ci fosse stato perché è un catalizzatore del gioco, alza la qualità della squadra. Balotelli sta crescendo ha enormi potenzialità. Mercoledì ha fatto un grande lavoro difensivo e sono contento. La Roma, oltre a Totti, ha recuperato un giocatore importante come De Rossi, Gervinho è stato un innesto di rilievo. Hanno giovani come Ljajic e Destro che sono di qualità. E’ una squadra difficile da affrontare.Abboccamento estivo con la Roma? C’erano anche altre squadre che mi avevano avvicinato, ma non ho nessun rimpianto. Sono molto contento di essere al Milan e di finire al meglio qui il lavoro”.