Home AS Roma News - Ultime notizie Roma Calcio IL TEMPO Castan già lotta. Roma fischiata

IL TEMPO Castan già lotta. Roma fischiata

Castan
Castan

(E. Menghi) La Roma saluta Pinzolo con una sconfitta. Pur con tutte le attenuanti del caso, nazionali assenti e appena 6 giorni di preparazione atletica (poca, ma pesante) sulle gambe, steccare la prima amichevole non è certo un bel modo di iniziare. Soprattutto se di fronte c’è una squadra di seconda categoria ungherese, il Gyirmot Gyor.

Garcia schiera un undici diverso per tempo, i titolari nel primo e la Primavera con l’aggiunta di Destro nel secondo. Ed è proprio l’attaccante con la valigia pronta l’unico mattatore del test (fischiato), vinto 2-1 dagli ospiti con i gol di Belizky e Simon Attila. Iago Falque fa una buona impressione, iniziando da trequartista alla Pjanic nel 4-2-3-1 disegnato dall’allenatore francese, consentendo a Totti di restare in avanti, perché ad indietreggiare per dare una mano ci pensa lui.

La Roma dei «grandi» non segna e torna d’attualità il problema della passata stagione: la poca concretezza sotto porta. Gervinho sembra non aver ancora smaltito le tossine della Coppa d’Africa, Iturbe si impegna tanto, ma si perde nei preziosismi. E dietro le cose non vanno meglio. Cole appare il più tonico (gli è stato annullato un gol per fuorigioco), anche se il vero protagonista è Castan, non impeccabile nell’azione del vantaggio degli ungheresi, ma combattente in campo e soprattutto fuori.

«Sono incazzato perché abbiamo perso», dice a fine amichevole, dimostrando quella personalità di cui si era sentita la mancanza. «È vero – spiega il brasiliano – che abbiamo le gambe pesanti e ci sono tanti giocatori fuori, ma bisogna sempre vincere. Dobbiamo essere più attivi e più cattivi in campo, dispiace dirlo ma è così. Dobbiamo imparare che il calcio non è sempre bello e bisogna fare le cose semplici. Non c’è stato tanto tempo per lavorare sulla fase difensiva, ma se abbiamo preso gol è perché ci lamentiamo troppo». Non sono dunque maturi i tempi per vedere il gioco spettacolare chiesto da Garcia, non certo entusiasta del risultato: «Odio perdere. Anche se stanchi, i giocatori devono fare meglio. I giovani hanno dato tutto, ne porterò qualcuno in Australia. Arriveranno amichevoli importanti e quelli scesi in campo contro il Gyirmot devono essere pronti per affrontare Real Madrid e Manchester City».

Ieri sera la squadra è rientrata nella capitale, oggi si riposa in attesa dei nazionali (tutti il 13, solo Romagnoli è atteso il 14, mentre Ibarbo il 20). Il primo allenamento nella terra dei canguri è previsto il 16. E sarà meglio cambiare rotta, perché i tifosi sembrano aver già perso la pazienza e durante la partita hanno alzato i soliti cori contro Pallotta, invitato i giocatori ad allenarsi meglio e a tirare di più in porta. Castan li capisce: «Quando è tanto che non vinci un trofeo, questo umore è normale. Dobbiamo essere uomini. Non guardatemi più come un malato, ho la personalità per ricevere tutte le critiche: sono un calciatore come gli altri. Ed è arrivato il momento di vincere».

Asromalive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui!