Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » As Roma, Stekelenburg: “Mi piace la passione di Roma”

As Roma, Stekelenburg: “Mi piace la passione di Roma”

L’olandese si esprime riguardo l’imminente sfida contro il Milan nel corso della quale rivedrà alcuni suoi ex compagni, Luis Enrique e il gioo della squadra

Il portiere della Roma, Maarten Stekelenburg (Getty Images)

AS ROMA STEKELENBURG / WEB – Il portiere della Roma Maarten Stekelenburg ha rilasciato un’intervista per il quotidiano “Il Giornale” ripresa in parte dal sito vocegiallorossa.it.

Di seguito alcune dichiarazioni del numero uno della squadra della Capitale:

Stekelenburg, la sua ultima volta a San Siro non è un bel ricordo: lo scontro con Lucio.
Tutto passato, nel calcio può accadere“.

Domani ritroverà di nuovo Ibrahimovic: nell’Ajax avete mosso i primi passi insieme.
Una volta segnò un gol con uno slalom alla Tomba contro il Nac Breda. Se digitate Zlatan su Youtube lo trovate. Purtroppo ricordo bene i due gol che mi ha fatto nel Roma-Milan dell’andata“.

Rivedrà anche Van Bommel.
Un grande sia come calciatore che come persona, è il degno capitano dell’Olanda. Gli auguro tutto il meglio possibile, ma con la Roma stia tranquillo…“.

Un aggettivo per Luis Enrique.
Passionale negli allenamenti e nelle gare. Dovreste vedere il modo con cui cura il lavoro e il rapporto con la squadra“.

Ha portato in Italia un calcio nuovo, ma c’è scetticismo.
Partendo dal fatto che si gioca sempre per cercare di vincere, quello di Luis Enrique è un tipo di calcio manovrato che parte da dietro, un po’ all’olandese e come l’Ajax. A me piace e sono a Roma per questo. Si vede poi che la nuova filosofia sta prendendo piede dopo le incertezze iniziali, c’erano tanti giocatori nuovi. Io stesso ho avuto bisogno di un periodo di ambientamento“.

In futuro farà breccia questo modo di proporre calcio?
Credo di sì, è un calcio che si vede più spesso in tanti Paesi. A qualsiasi appassionato piace una squadra che gioca e non si difende soltanto. Con il tempo porterà dei risultati. Il terzo posto? Chiunque vuole arrivare in Champions, ma non voglio fare proclami. Nel calcio non ci sono sicurezze“.

Roma città passionale e umorale. Come si trova qui?
Mi piace questa passione. Basta fare una passeggiata in città per rendersi conto che si parla solo della squadra. Sono consapevole che se perdi una partita è difficile allenarsi con tranquillità, ma fa parte del gioco“.