Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma, Baldini: “La Lega è delegittimata, non riesce a non cadere nel ridicolo”

Roma, Baldini: “La Lega è delegittimata, non riesce a non cadere nel ridicolo”

Parole dure del direttore generale giallorosso in merito alle titubanze decisionali della Lega calcio per lo spostamento della giornata di campionato

Franco Baldini polemico con la Lega calcio

ROMA BALDINI LEGA CALCIO / WEB – Il direttore generale giallorosso Franco Baldini si scaglia contro il sistema decisionale della Lega Calcio, per via della netta titubanza nel cercare di spostare la giornata di campionato rinviata per via della morte di Piermario Morosini; il dirigente della Roma è apparso piuttosto adirato, polemizzando sia sul potere decisionale ormai scarso della Lega, sia per via del condizionamento ricevuto da alcune società di calcio. Queste le sue parole: “Dopo più di un giorno e mezzo passato in frenetiche consultazioni telefoniche con le proprie società affiliate, una Lega Calcio evidentemente delegittimata in quelle che dovrebbero essere le sue funzioni, non è ancora in grado di prendere una decisione in merito alla giornata di campionato che avrebbe dovuto svolgersi tra sabato e domenica. Posto che la Roma avrebbe accettato, così come accetterà, qualsiasi decisione la Lega sia in grado di prendere, la stessa società, consultata al riguardo, aveva dato parere favorevole alla proposta della stessa Lega di far “slittare” la giornata di campionato piuttosto che ad un rinvio della stessa, anche per non prestare il fianco ad eventuali polemiche riguardo la regolarità del campionato. Parere, ci è stato detto, condiviso dalla stragrande maggioranza degli altri club. Eppure, nemmeno in presenza di questi elementi, la Lega è in grado di prendere decisioni, impegnata com’è a fronteggiare coloro che privilegiano i propri interessi particolari rispetto ad ogni altra considerazione. Alla fine riusciamo ogni volta a dimostrare quello che siamo: persone che anche nelle situazioni più tragiche come quella a cui è dovuta la sospensione del campionato, non riescono a non cadere nel ridicolo“.

Keivan Karimi