Roma Calcio » AS Roma News » Rubrica – Aspettando Euro 2012: Portogallo

Rubrica – Aspettando Euro 2012: Portogallo

Nel girone B, probabilmente il più ostico della fase preliminare del torneo, figura la squadra lusitana. Nella sua rubrica asromalive.it ne analizza le caratteristiche principali

La Nazionale portoghese

RUBRICA ASPETTANDO EURO 2012 PORTOGALLO / ASROMALIVE – Il Portogallo si presenta all’Europeo ucraino-polacco con la speranza di arrivare in fondo e mettere in bacheca il primo titolo a livello di nazionale nonostante la quinta piazza nel ranking FIFA. Nel corso della sua storia, la squadra lusitana ha sempre schierato numerosi giocatori dai piedi fini, a partire da Eusebio per arrivare ai più recenti Rui Costa, Figo, Deco e infine Cristiano Ronaldo, ma con l’atavico problema della mancanza dell’attaccante goleador.
L’accesso alla competizione non è stato agevole: ha raggiunto il secondo posto nel girone di qualificazione alle spalle della Danimarca e ha dovuto superare agli spareggi, al fine di  staccare il pass per il torneo, la Bosnia di Pjanic.

Il Portogallo è stato inserito in un girone difficile, il B: ritroverà infatti la Danimarca e se la dovrà vedere anche con l’Olanda e la Germania.

I precedenti agli Europei. Il miglior piazzamento per la Nazionale portoghese è stato nel 2004 quando Cristiano Ronaldo e compagni si sono visti soffiare da sotto il naso la coppa dalla sorprendente Grecia. Il rammarico più grande per i portoghesi è stato non raggiungere il titolo proprio nell’edizione di cui erano organizzatori e contro una rivale abbordabile.  Negli ultimi anni è stata una Nazionale comunque sempre competitiva:  anche nel 2000 in Belgio e Olanda è arrivata tra le migliori quattro, fermata dalla Francia, poi laureatasi campione, mentre nelle edizioni del 1996 e del 2008 ha raggiunto i quarti di finale.

Il commissario tecnico. Il selezionatore del Portogallo è Paulo Bento, calciatore fino al 2004. Da giocatore ha partecipato anche alla spedizione della nazionale lusitana nel 2000 per gli europei di Belgio e Olanda, conquistando il terzo posto. Dopo aver attaccato gli scarpini al chiodo ha iniziato la sua carriera da tecnico nello Sporting, squadra con la quale aveva chiuso la carriera. Da allenatore ha già riempito la sua bacheca vincendo due coppe di Portogallo e due supercoppe. Da settembre 2010 conclusasi l’esperienza nel club di Lisbona viene nominato ct del Portogallo e raggiunge le qualificazioni ad Euro2012. Gioca con un 4-3-3 con in attacco C.Ronaldo e Nani sugli esterni e uno tra H.Almeida e H.Postiga come punta centrale.

La stella. Senza alcun dubbio il giocatore più rappresentativo della selezione portoghese è il capitano Cristiano Ronaldo che all’età di 27 anni vorrebbe vincere il suo primo titolo con la maglia del Portogallo. Il calciatore nato nell’isola di Madeira è il trascinatore della sua nazionale grazie ai suoi gol: sono 32 le reti  nelle 89 presenze finora effettuate.  Nei 23della rosa figura anche uno dei desideri di mercato della Roma, il centrale difensivo Rolando che milita attualmente nel Porto.

La rosa ufficiale per Euro 2012:

Portieri: Eduardo (Benfica), Beto (Cluj), Rui Patricio (Sporting).

Difensori: Bruno Alves (Zenit), Miguel Lopes (Braga), Rolando (Porto), Duda (Malaga), Ricardo Carvalho (Real Madrid), Joao Pereira (Sporting), Pepe (Real Madrid), Ricardo Costa (Valencia), Fabio Coentrao (Real Madrid)

Centrocampisti: Quaresma (Besiktas), Custodio (Braga), Miguel Veloso (Genoa), Raul Meireles (Chelsea), Joao Mutinho (Porto), Ruben Micael (Saragoza), Nani (Manchester United), Hugo Viana (Braga).

Attaccanti: Cristiano Ronaldo (Real Madrid), Nelson Oliveira (Benfica), Silvestre Varela (Porto), Hugo Almeida (Besiktas).

Sara Mascigrande