Roma Calcio » AS Roma News » Zemanlandia (video), Roma – Milan 5 a 0

Zemanlandia (video), Roma – Milan 5 a 0

Il 3 Maggio del 1998 la Roma ottenne una storica vittoria, tra le mura amiche, ai danni del Milan di Fabio Capello. Segnarono Di Biagio, Candela, Paulo Sergio e Delvecchio

ZEMANLANDIA VIDEO ROMA MILAN 5 0 / WEB – Esattamente 14 anni e un mese fa, il 3 Maggio del 1998, trentaduesima giornata del campionato di calcio di Serie A. la Roma di Zdenek Zeman ospita il Milan guidato da Fabio Capello. Queste le due formazioni:

Roma (4-3-3): Chimenti; Aldair (32’st Tetradze), Zago, Petruzzi, Candela; Tommasi, Di Biagio, Di Francesco; Paulo Sergio (32’st Gautieri), Delvecchio, Totti. All.: Zeman

Milan(4-4-2): Rossi; Daino, Costacurta, Cruz, Maldini; Ba (32’pt Cardone), Desailly (24’st Nilsen), Donadoni, Ziege (1’st Leonardo); Maniero, Weah. All.: Capello

Fin dall’inizio si capisce che i giallorossi sono più pimpanti, ma, dal quarto d’ora di quella gara in poi, il Milan vivrà una delle più brutte partite della sua storia. Al 16′, infatti, è un gran tiro da fuori area di Vincent Candela a cogliere impreparato Sebastiano Rossi: 1 a 0. Due minuti dopo, Totti viene atterrato in area da Ziege ed il direttore di gara fischia il rigore, che sarà trasformato da Luigi di Biagio. Il centrocampista romano si ripete al 28′: scambio con Delvecchio al limite dell’area e conclusione che non lascia scampo all’estremo difensore rossonero. Il 4 a 0 arriva dieci minuti dopo, grazie ad una progressione impressionante di Paulo Sergio che prima salta Alessandro Costacurta, quindi anche il povero Rossi prima di infilare in rete. Nella ripresa la Roma si limita ad amministrare il gioco, mentre il Milan è rimasto negli spogliatoi e non vede l’ora che l’incubo finisca. Non è finita, però, perché al 38′ del secondo tempo arriva anche il gol di testa di Delvecchio per il 5 a 0 finale. I giallorossi ottengono una storica vittoria attraverso quegli elementi che, di lì a poco, costituiranno la squadra del terzo scudetto allenata proprio da Fabio Capello.


Marco Pennacchia