Roma Calcio » AS Roma News » Mercato Roma, ecco la lista degli esuberi

Mercato Roma, ecco la lista degli esuberi

“Il Messaggero” di oggi pubblica i nomi dei giocatori fuori dal progetto di Zeman

Uno degli "esuberi" Marco Borriello

MERCATO AS ROMA LISTA ESUBERI IL MESSAGGERO /ASROMALIVE.IT – Continua la campagna di sfoltimento della rosa della Roma operata da Walter Sabatini. A Trigoria sono rimasti a lavorare gli esuberi, alcuni eccellenti, in cerca di una sistemazione. Il Messaggero in edicola oggi li elenca, cercando di capire che destino possano avere in casa giallorossa.

Il più eccellente tra questi, almeno per ingaggio, è Marco Borriello, che però di estimatori ne ha (vedere Genoa e Tottenham) ed è pronto a lasciare una città dove non si sente più apprezzato. Diverso è il caso di Guberti che, dopo una marea di prestiti è tornato alla base, ma Zeman non lo vede. Piazzarlo sarà difficile soprattutto per il suo presunto coinvolgimento nello scandalo scommesse, dove la sua posizione deve essere ancora chiarita, ed è difficile che una squadra se lo prenda con questo fardello che si porta dietro.

Pizarro e Perrotta invece, rappresentano quella parte di Roma a cui i tifosi sono riconoscenti ma che non rientrano nel progetto giallorosso per questioni di età e acciacchi vari. Il progetto non conosce la parola “riconoscenza”. Chi invece è giovane, ma sembra non poter essere parte della squadra sono Tallo e Nego. L’ivoriano, qualche apparizione in prima squadra l’anno scorso e tanti gol in Primavera, è penalizzato dal sovrannumero in attacco e potrebbe andare da qualche parte a fare esperienza. La Roma non intende perderne il cartellino, ora tutto di sua proprietà. Nego, ormai fuori età per la Primavera giallorossa (classe ’91) non è stato preso affatto in considerazione, forse per una scarsa maturazione che potrà avvenire probabilmente lontano da Trigoria.

Stefano Okaka è pronto a lasciare la capitale a titolo definitivo per andare al Parma dopo l’esperienza coi ducali della scorsa stagione. Di lui purtroppo ricorderemo solo un colpo di tacco all’ultimo minuto col Siena e poco altro.