Roma Calcio » AS Roma News » UTR, una lettera in ricordo di Franco Sensi

UTR, una lettera in ricordo di Franco Sensi

A quattro anni dalla morte il ricordo dell’Unione Tifosi Romanisti

Franco Sensi

MORTE FRANCO SENSI LETTERA UTR / ASROMALIVE.IT – Sono passati già quattro anni da quel giorno, e nessuno scorderà il presidente che, con i suoi sacrifici economici e la sua passione ha permesso alla Roma di vincere il tanto agognato terzo scudetto. Oggi, a quattro anni dalla sua morte, lo ricorda l’UTR (Unione Tifosi Romanisti) con questa toccante lettera. Ecco le parole:

L’ UTR ricorda con affetto e gratitudine l’ultimo grande Presidente Campione d’Italia FRANCO SENSI, e vuole far pevenire tutta la famiglia SENSI, un affettuoso abbraccio nel suo indelebile ricordo !

Sono già passati 4 anni dal giorno in cui Franco Sensi ci ha lasciato.

Lui, Romano de Roma e Romanista, nato predestinato il 29 luglio del 1926, un solo anno prima della nostra amatissima As Roma, Presidente come pochi legato alla squadra di cui prima era tifoso e poi dirigente, uno che ascoltava il cuore prima della ragione.

Di Lui sappiamo tutto, della sua vita, dei suoi amori calcistici, della sua famiglia di sole donne, dei suoi successi da imprenditore, a noi rimane il compito di portare avanti il suo ricordo di grande Romanista, di uomo non disponibile a compromessi come lo era un altro grande Presidente, Dino Viola.

Dal novembre 1993 e fino alla morte è stato il Presidente più longevo della nostra squadra, vincendo 1 scudetto 2 coppe Italia, 2 super coppe e tanti, troppi, secondi posti che rileggendoli ora, potevano essere dei primi posti.

Quindi un Presidente vincente.

La sue battaglie con il “palazzo” qualcosa hanno ottenuto e quel qualcosa l’abbiamo toccato per mano.

Come Romano ha avuto il privilegio di poter essere salutato un’ ultima volta dalla sua gente nella camera ardente presso l’aula Giulio Cesare in Campidoglio, onore che in passato è stato concesso solo ad altri 2 grandi Romani e Romanisti, il sindaco più amato della storia Capitolina: Luigi Petroselli, e il Romano più amato nel mondo: Alberto Sordi.

Noi Romanisti lo ricorderemo sempre con una semplice frase: Grazie Franco !!!”

( UTR Web Group )