Roma Calcio » AS Roma News » Cagliari – Roma, le dichiarazioni di Fenucci e Cellino in attesa della sentenza della Figc

Cagliari – Roma, le dichiarazioni di Fenucci e Cellino in attesa della sentenza della Figc

Alla sede della Figc è in corso la riunione che metterà definitivamente fine alla faccenda relativa alla gara dell’Is Arenas

CAGLIARI ROMA DICHIARAZIONI FENUCCI CELLINO SENTENZA FIGC / ASROMALIVE.IT – Nella sede della Figc di via Po, è in corso la riunione che porterà alla sentenza definitiva su Cagliari – Roma. La domanda è: verrà riconfermato lo 0-3 a tavolino stabilito dal giudice sportivo?

Verso le 14.00, è arrivato il presidente rossoblù, Massimo Cellino. Queste le sue dichiarazioni ai cronisti presenti: ”Onoro sempre lo sport, sono qui a testa alta e mi trattano come uno stupido. La Roma è una società astratta che non so di chi sia. E’ dell’Unicredit? Allora è l’Unicredit che vuole prendere vantaggio da un malinteso. Se è così che lo dica. Se la Roma vuole i 3 punti me lo dica e non veniamo a Roma e buchiamo le ruote del pullman. Io non ho nessun problema con le istituzioni e neanche con la Roma, le voglio bene. Vorrei solo sapere di chi è la Roma. Io prima sapevo che c’era Franco Sensi, Rossella Sensi. Oggi di chi è? Pallotta? Me lo presenti, io non l’ho mai visto. Io vado in Lega, ci sono i presidenti. Percassi (presidente dell’Atalanta, n.d.r.) poteva non venire a Cagliari e prendersi la partita vinta. E’ invece venuto perché il calcio è fatto per essere giocato e non per essere giocato strumentalmente nei tribunali. Baldini? Non lo conosco. Io quando prendo una decisione lo faccio perché ho il potere per farlo. Loro che poteri hanno? Io non ho mai avuto un incidente a Cagliari, sono andato a giocare a Trieste per 5 partite e ho ricevuto i complimenti della prefettura. Faccio sport e cerco di farlo anche bene, non voglio essere scambiato per un guerrafondaio. Di punto in bianco divento un sovversivo?

All’uscita dagli uffici di via Po, anche Claudio Fenucci ha scambiato due parole con i giornalisti: ”Abbiamo ribadito le nostre ragioni e siamo fiduciosi che lo 0-3 a tavolino verrà mantenuto perchè siamo nel giusto. Chiediamo solo il rispetto delle regole su cui si fonda il calcio. Noi eravamo a Cagliari per giocare una partita che non si è disputata, e le motivazioni le conoscono tutti. Adesso aspettiamo la decisone della Corte di giustizia. L’attività istruttoria della Procura Federale, comunque, ha chiarito i motivi che hanno portato al rinvio della gara. Cellino dice che se venisse accolto il ricorso del Cagliari vincerebbe lo sport? Penso sia esattamente il contrario: lo sport vince se vengono rispettati i regolamenti. Di chi è la Roma? La Roma è pienamente rappresentata da me, da Franco Baldini o da Pannes, una governance che viene stabilita dal suo cda, che ha attribuito deleghe a queste persone. Credo che l’atteggiamento di ogni club deve essere quello del rispetto delle regole e, se Cellino l’avesse avuto, avrebbe fatto le stesse cose che ha fatto la Roma. Vuole bucare le ruote del pullman? La Roma mi sembra che non abbia bisogno di regali da nessuno”.