Roma Calcio » AS Roma News » As Roma, Tre fotografie del 2012 da incorniciare

As Roma, Tre fotografie del 2012 da incorniciare

Tre momenti importanti di questo anno che si sta chiudendo per la “storia” giallorossa

2012

AS ROMA 2012 / ASROMALIVE.IT – L’anno che si chiude oggi è stato piuttosto travagliato per la squadra capitolina. La prima parte di esso ha visto il progetto di Luis Enrique, tanto ambizioso e coraggioso, naufragare miseramente nel mare della mancanza di risultati che per un calcio frettoloso e esigente come quello attuale rappresentano un peccato imperdonabile.

La sua partenza ci porta a quello che, a nostro parere, è il primo momento che va ricordato di questo anno: l’arrivo di Zdenek Zeman. Il boemo ha rappresentato per i tifosi della Capitale un ritorno all’antico, al vintage che non tramonterà mai. La Roma è per lui l’ultima occasione in una piazza importante che può regalargli aspirazioni di vertice.

Il mister non è stato capito e amato da tutti immediatamente e non solo per la durezza dei suoi allenamenti, ma perchè è andato a scompaginare le carte della rosa giallorossa e a mettere tutti in discussione. Ha fatto fatica ad adattarsi al calcio del Boemo Daniele De Rossi che quest’anno ha detto “sì” alla Roma per i prossimi tempi (almeno contrattualmente). Questa firma, tanto attesa, tanto chiacchierata è infine giunta un giorno di febbraio e ha chiuso un logorante balletto durato un anno. E’ stato il momento in cui ogni tifoso della Roma ha avuto l’illusione (che speriamo duri) di un top player ambito da tutte le squadre del mondo che sceglie la maglia giallorossa (anche) per il suo sfrenato amore per questi colori.

Proprio di ieri è la terza e ultima fotografia importante di questo anno: la Roma avrà uno stadio di proprietà. Dopo aver invidiato quelli europei e lo Juventus Stadium, finalmente si è mosso il primo passo reale per costruire una “casa” alla squadra capitolina. La speranza è quella che il Capitano possa essere il padrone di casa con gli scarpini ai piedi.

Queste immagini non sono legate a delle prestazioni, ma rappresentano tre colonne portanti della Roma del futuro. L’augurio è quello che il prossimo anno sia quello in cui si possano cogliere i frutti di tanto lavoro e che i colori giallorossi tornino a brillare… sul campo, a suon di vittorie.