Roma Calcio » AS Roma News » Roma – Inter, il meglio e il peggio. Destro bomber di coppa, Lamela troppo egoista

Roma – Inter, il meglio e il peggio. Destro bomber di coppa, Lamela troppo egoista

I migliori ed i peggiori della prestazione giallorossa di ieri

Mattia Destro in gol contro l'Inter

Mattia Destro in gol contro l’Inter

ROMA INTER MEGLIO PEGGIO / ASROMALIVE.IT – Ecco a voi i migliori ed i peggiori giallorossi scesi in campo nel match contro l’Inter di ieri sera, valido per la semifinale di andata di Tim Cup. Una vittoria per 2-1 che certamente da un piccolo vantaggio alla Roma in vista del return-match di aprile a San Siro.

Il meglio:

MATTIA DESTRO – Vera e propria spina nel fianco della difesa nerazzurra, si batte come un leone non dando troppi punti di riferimento agli avversari. Segna un gol da bomber puro, nel tridente giallorosso è il più attivo e scaltro. Colpisce anche un palo tanto clamoroso quanto casuale. Di certo il suo momento no pare terminato. VOTO 7,5

NICOLAS BURDISSO – Preferito a Castan, l’argentino gioca come a Firenze nei quarti da vero leader difensivo. Deciso e regolare negli interventi, sembra aver perfezionato anche l’intesa con Marquinhos. Non ha colpe specifiche sul gol del 2-1 interista, ma è decisivo in un paio di salvataggi nella ripresa. VOTO 7 +

Il peggio:

ERIK LAMELA – Tra i più brillanti nella gara di domenica in campionato, meno felice la sua prestazione ieri sera in coppa. El Coco appare troppo egoista e lezioso, cerca la giocata ad effetto piuttosto che eseguire in maniera concreta e regolare gli schemi di Zeman. Clamorose le due palle gol mancate nel primo tempo per arrotondare il punteggio. VOTO 6-

PANAGIOTIS TACHTSIDIS – Non gioca male, anzi, sembra riscattarsi dalle critiche disputando un primo tempo di buon livello, sia in fase propositiva che in quella di copertura. Il regista greco però è colpevole nell’azione del gol di Palacio, prima commettendo il fallo da cui nasce la punizione vincente, poi tenendo in gioco l’interista che può realizzare facilmente. Netto calo nella ripresa, troppi errori di concentrazione per lui. VOTO 5,5

Keivan Karimi