Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma-Cagliari, Gianni Di Marzio: “Non è solo colpa di Zeman”

Roma-Cagliari, Gianni Di Marzio: “Non è solo colpa di Zeman”

Difficile dare “le colpe” di quanto sta succedendo in casa Roma. La via del capro espiatorio unico questa volta sembra impraticabile

Roma-Cagliari

Roma-Cagliari

ROMA CAGLIARI DI MARZIO / ASROMALIVE.IT – Si potesse dare la colpa a questo o a quello sarebbe tutto più facile: se il problema fosse SOLO Zeman, SOLO la dirigenza, SOLO qualche giocatore, la situazione non sarebbe calcisticamente tragica come invece è. Perchè la questione è che sembra non funzionare nulla, o, anche, sembra che ognuno degli elementi che costituiscono la “squadra Roma” (intesa in senso ampio, cioè comprendente non solo i giocatori, ma anche allenatore e dirigenti) brancoli nella confusione più totale e non c’è un’unica parte  “malata” -o cancerogena, direbbe Sabatini- che una volta amputata garantirebbe il risolversi dei problemi.

Prova a diradare la nebbia delle responsabilità l’ex allenatore Gianni Di Marzio ai microfoni di Sky:

“Zeman purtroppo è rimasto legato, quasi prigioniero, alle sue idee. Quando allenai il Cosenza andai a giocare a Foggia contro la squadra di Zeman. Era il Foggia di Baiano, Rambaudi e persi 5-0, nell’unica partita della mia carriera in cui subii più di due gol. A quel tempo non c’era però l’opportunità di vedere le squadre avversarie come giocassero. Al ritorno, studiai il gioco del tecnico boemo e dopo 20-25 minuti stavo vincendo io 5-0, con Zeman che si alzò e andò via. Lui è rimasto sempre lo stesso ma non in questo caso non dipende solo da lui ma anche dai giocatori“.