GAZZETTA DELLO SPORT Trapattoni non si ferma più: un quadriennale dal Marocco di Benatia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:36
Trapattoni
Trapattoni

(F.Licari) – Giovanni Trapattoni potrebbe essere in Marocco in queste ore: non in vacanza, ma per diventare c.t. della nazionale che ha fallito la qualificazione al Mondiale e sarà padrona di casa della prossima Coppa d’Africa (2015). Il tecnico italiano sembra favorito nel ballottaggio col francese Hervé Renard. I dubbi potrebbero essere sciolti presto: nei prossimi giorni. Trap sarebbe atterrato ieri sera, dopo le 21 italiane, a Casablanca (scalo inevitabile dall’Italia per Rabat).

Quante offerte Trap resta di moda. Chiuso l’anno scorso il rapporto con l’Irlanda, dopo aver mancato il passaporto per il Brasile, ha ricevuto diverse offerte negli ultimi 5 mesi: in Italia (Lazio), dall’Africa (Marocco, Costa d’Avorio), pare anche dall’Asia (Giappone) e dall’America del Sud. Club e nazionali. Non vede l’ora di tornare in panchina ma non vuole neanche bruciarsi con un contratto breve e soggetto a riconferma. Ecco perché l’offerta del Marocco potrebbe essere la più allettante, se non economicamente la migliore: un quadriennale e carta bianca per riorganizzare una squadra in crisi di risultati.

Nuova federcalcio I tempi si sono allungati a causa delle elezioni federali in Marocco: il 13 aprile è diventato presidente Fouzi Lekjaa che, sul suo taccuino, ha segnato da tempo con l’evidenziatore il nome di Trapattoni. Da un mese l’ex c.t. azzurro riceve offerte di mediazione anche da chi non ha ricevuto incarichi dal Marocco: la solita storia. Magari questa è quella buona. Tra i convocabili troverebbe gli «italiani» Benatia, El Kaddouri e Taarabt. Il Marocco è atteso da due amichevoli: il 24 maggio in Burkina Faso e il 6 giugno contro la Russia di Fabio Capello (che derby dei due mondi sarebbe…). Velocizzando i tempi, prenderebbe il posto del c.t a interim Benabicha. Difficile che Tardelli, in trattativa con la Grecia, sia con lui. Obiettivi a lungo termine? La Coppa d’Africa (vinta nel 1976) e poi la qualificazione al Mondiale 2018 (l’ultima volta nel 1998). Oggi il Marocco è al 76° posto nel ranking Fifa: a occhio non sembra un’impresa facilissima.