Calciomercato Roma: Petrachi guarda in Sudamerica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:27

Il calciomercato della Roma è in continuo fermento. In questo periodo nel quale la serie A è ferma continuano ad accavallarsi tanti nomi come possibili rinforzi dei giallorossi nella prossima stagione. L’ultimo arriva direttamente dall’Argentina.

gianluca petrachi
Gianluca Petrachi @Getty Images

Sul taccuino del direttore sportivo Petrachi – come riporta Il Corriere dello Sport – è finito infatti Agustín Urzi. Un giocatore che il ds sta seguendo da tanto tempo. Attaccante esterno classe 2000, gioca nel Banfield e seppur giovanissimo si sta mettendo in luce nel club sudamericano. Venti milioni di euro è la sua clausola rescissoria, abbastanza alta, ma il giocatore ai media argentini ha rivelato che tra i club interessati a lui c’è anche la Roma.

LEGGI ANCHE –>>Di Francesco: «Totti mi ha sempre sostenuto»

Calciomercato Roma: obiettivo cedere

Non c’è dubbio però che la Roma prima di acquistare dovrà pensare a cedere. Anche perché uno degli obiettivi principali sarà quello di tagliare il monte ingaggi. Per questo motivo anche Perotti potrebbe lasciare la capitale dopo quattro anni. Non che il giocatore non sia stimato da Fonseca, che del resto quando è stato possibile lo ha schierato spesso titolare. Ma l’argentino ha un contratto fino al 2021 a tre milioni di euro e la Roma potrebbe poi perderlo a costo zero. Petrachi poi dovrà cercare di piazzare anche Nzonzi, Florenzi, Juan Jesus, Coric, Karsdorp e soprattutto Schick, che potrebbe garantire un lauto incasso se il Lipsia deciderà di riscattarlo.

Nodi da sciogliere per Petrachi

I due veri nodi del mercato della Roma sono legati alla conferma di Smalling e Mkhitaryan, giocatori che il club – d’accordo con Fonseca – non vorrebbe perdere. Nessuno sconto dallo United per il difensore, ecco allora spuntare l’ipotesi Vertonghen a costo zero. Resta in bilico anche l’armeno. Pure per lui l’Arsenal non vuole fare sconti, nonostante il contratto del giocatore scada a giugno 2021. “Miki” è pronto a restare, ma bisognerà prima trovare la formula giusta.