Fonseca sul derby: “Orgoglioso di aver allenato la Roma. Domani cambiamo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:50

L’allenatore della Roma ha parlato a poco più di 24 ore dal derby con la Lazio, penultima giornata di campionato.

Paulo Fonseca
Paulo Fonseca ©GettyImages

Il tecnico giallorosso Paulo Fonseca si è presentato in conferenza stampa alla vigilia del derby contro la Lazio, che si disputerà domani sera allo Stadio Olimpico. Il portoghese però ha smentito l’utilizzo della difesa a tre, confermando i 4 difensori anche in vista della sfida contro i biancocelesti, valida per la penultima giornata di campionato, che sarà anche l’ultima all’Olimpico per Fonseca, prima dei saluti finali: “La motivazioni sono le stesse, penso ai tifosi, è stato bello vivere quei momenti. Il derby è una cosa unica, difficile da spiegare. Domani non li avremo, ma per noi sono molto importanti, dobbiamo avere la stessa motivazione, mi aspetto che i giocatori saranno motivati anche senza tifosi per vincere questa partita”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, giallorossi inermi | Decide tutto il giocatore

LEGGI ANCHE >>> ASRL | Roma, quattro certezze nello staff di Mourinho: il punto su Amelia

Fonseca in vista del derby

Sulla gara di andata: “Abbiamo preparato strategicamente la partita in un modo diverso rispetto all’ultima partita, per non lasciare la Lazio in contropiede perché sono molto pericolosi, dovremmo stare attenti a questo. Abbiamo una strategia per questa partita, dobbiamo essere più equilibrati in tutte le fasi e in tutti i momenti. Domani giocheremo con la difesa a 4. Tanti gol presi? Non è solo un problema della difesa ma della squadra. Sono cose reali, non sto inventando scuse. Non avere Smalling per tante partite, il difensore più esperto, l’aver giocato con giocatori molto giovani. Detto questo penso che la Roma non è una squadra che lascia le situazioni agli altri. Penso che molti dei gol che abbiamo preso, sono più errori nostri che meriti degli altri. Non abbiamo avuto mai la continuità di avere pronti tutti i difensori. Io mi faccio sempre molte domande, come ho sempre detto io sono il principale responsabile di quello che accade. Io devo procurarmi le soluzioni per non commettere ulteriori errori. Sono cosciente di tutto questo”.

LEGGI ANCHE >>> Roma, Mourinho fa impazzire i tifosi | Il video è subito virale

Fonseca ai saluti. E sul modulo…

Fonseca saluta così la Roma: Lascio con grande orgoglio, quello di essere stato l’allenatore della Roma. Certe volte, in questi casi, c’è un sentimento di ingiustizia, ma non c’è in me questo adesso. Ho avuto sempre rispetto di tutti, ammirazione e simpatia dei tifosi, questo è l’importante per me”. Poi commenta anche la squadra che per due anni di fila si piazza sotto i rivali biancocelesti: “Devo confessare che principalmente è stata una stagione difficile con gli infortuni di calciatori importanti. Se avessimo avuto a disposizione sempre loro potevamo arrivare in altre posizioni”. Infine torna sul cambio di modulo: “Io ho sempre detto di aver preparato la squadra per questi due moduli. Questa scelta dipende dalla risposta della squadra, dal momento in cui siamo. Abbiamo cambiato col Manchester e la squadra ha risposto bene. Questi sono cambi anche per creare nuove dinamiche per la squadra”.