Roma-Feyenoord, dubbio Zalewski | Spinazzola: “Ho un sogno”

Roma-Feyenoord: in vista della finale contro gli olandesi ha Spinazzola ha parlato alla Gazzetta dello Sport: “Ho un sogno”

Ci ha messo un poco per rientrare in campo Leonardo Spinazzola dopo l’infortunio dell’anno scorso con la Nazionale. Tornato a disposizione di Mou solamente per l’ultima parte di stagione. Ma forse è stato meglio così, non rischiare davvero di nulla per essere un acquisto per il prossimo anno, con il vantaggio però di conoscere l’ambiente e il tecnico. Insomma, Mou ci potrà definitivamente contare per la prossima stagione.

Roma-Feyenoord
Spinazzola ©LaPresse

In vista della finale di domani sera contro il Feyenoord a Tirana, Spinazzola ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport in edicola questa mattina. Ha parlato del passato ovviamente, di quell’infortunio che lo ha tenuto fuori quasi un anno, e ha svelato che davvero credeva di poter rientrare prima, a novembre: “Ma poi mi sono reso conto che il muscolo non poteva reggere quel carico di lavoro”. E allora le cose sono cambiate, e il recupero è andato come detto pure giustamente con i piedi di piombo.

Roma-Feyenoord, il sogno di Spinazzola

Roma-Feyenoord Probabili formazioni
Nicola Zalewski ©LaPresse

“Ioo sogno la coppa per me, per i miei compagni che hanno fatto un grande percorso, per la città e per i tifosi. Vogliamo realmente chiudere prendendoci la Coppa e per me l’importante è solamente alzarla”. “Poi – ha detto ancora – posso anche giocare un solo minuto o rimanere in panchina, questo non è assolutamente un problema”.

Messo alle spalle l’infortunio, ovviamente Leo spera in un’opportunità – difficile – per la sfida di domani. Anche perché Mou ha finalmente trovato su quella zona di campo l’esterno che garantisce qualità e quantità, quel Zalewski che giocherà sicuramente dal primo minuto. Potrebbe anche avere un dubbio Mou, ma alla fine il giovanissimo cresciuto nel settore giovanile dovrebbe strappare per la gara più importante della stagione una maglia da titolare.