Mourinho one man show: il motivo dell’ultima intervista in portoghese

José Mourinho si prende nuovamente le luci dei riflettori. Nella seconda frazione di gioco, l’allenatore portoghese è salito in cattedra. Poi lo show nel post partita.

Tre punti preziosissimi quelli conquistati dalla Roma al Mapei Stadium di Reggio Emilia. I giallorossi, sotto al termine della prima frazione di gioco, sono riusciti a ribaltare l’incontro nella ripresa grazie al sigillo sul rigore di Dybala e al tiro deviato di Kristensen.

Mourinho one man show: l'ultima frecciata arriva in portoghese
Mourinho (LaPresse) – Asromalive.it

A prendersi le luci della ribalta, però, è stato soprattutto José Mourinho. Il tecnico della Roma è stato protagonista in campo e nelle interviste post partita. Dopo l’1-1 di Dybala su rigore, lo “Special One” ha invitato il settore ospiti a stemperare gli eccessi di foga, visto il lancio di alcuni fumogeni. Poi al triplice fischio si è congratulato con ogni singolo calciatore, a cui ha stretto personalmente la mano, dirigendosi poi sotto lo spicchio destinato ai supporters della Roma. Ma è nell’intervista concessa a DAZN che Mourinho ha completato l’opera.

Il tecnico lusitano ha infatti deciso di rispondere alla domanda di Tommaso Turci in portoghese. Una scelta probabilmente da ricondurre alle polemiche nelle ultime ore seguite allo stralcio della conferenza stampa nella quale Mourinho aveva sollevato dei dubbi circa la stabilità emozionale di Marcenaro. Del resto, non è un caso che Mou, che ha deciso di rispondere in portoghese, abbia iniziato la sua intervista ringraziando i Friedkin e Pinto per il supporto ricevuto. La decisione della Procura Federale di aprire un fascicolo per le parole dell’allenatore della Roma non è stata digerita dal portoghese, che ha puntualizzato: “Quando ho parlato di stabilità emotiva ho parlato di una qualità che nella vita e nel calcio è necessaria per rendere ai massimi livelli”.

Impostazioni privacy