Roma Calcio » AS Roma News » Bologna – Roma, Luis, ora è tempo di scelte

Bologna – Roma, Luis, ora è tempo di scelte

Con il rientro di Gago e Pjanic, il tecnico giallorosso potrebbe anche decidere di lasciare in panchina Totti e schierare in attacco il bosniaco dietro a Osvaldo e Lamela

Il capitano Francesco Totti e l'allenatore spagnolo Luis Enrique

BOLOGNA ROMA LUIS ORA E’ TEMPO DI SCELTE / BOLOGNA  – La sfida di questa sera al Dall’Ara è cruciale per la Roma. I giallorossi vengono infatti da due ottime partite con Juventus e Napoli, ma, cosa ancora più importante, da altrettante prestazioni convincenti che fanno ben sperare per il proseguo di questa stagione. La Roma vista al San Paolo, lo sa bene anche Luis Enrique, è l’ulteriore bella copia di quella gia’ vista all’Olimpico contro la squadra di Antonio Conte. Ecco perché il tecnico spagnolo vorrebbe il bis: “Quella contro il Bologna è una partita per rinforzare quello che abbiamo fatto contro Juventus e Napoliha detto ieri in conferenza stampa Lucho – Se facciamo bene e se riusciamo può essere un buon modo per chiudere l’anno”. Ora, però, è tempo di scelte per l’allenatore giallorosso. Lasciati a casa Kjaer, Borriello e Pizarro, Luis Enrique può contare sul rientro di Gago a centrocampo e su quello del bosniaco Pjanic. Da qui tutte valutazioni. In mezzo al campo Lucho potrebbe riproporre il terzetto titolare De Rossi-Gago-Pjanic, ma non è da escludere l’inserimento di Simplicio, in ottima forma e ben visto in questo periodo dal suo allenatore. In difesa, invece, dovrebbero essere poche le soprese: Rosi sulla destra, Juan ed Heinze centrali con Taddei a ricoprire la fascia sinistra. In attacco si fa dura. Diverse le strade percorribili: in pole position c’è lo stesso tridente visto al San Paolo, Totti-Osvaldo-Lamela, ma non è detto che Luis Enrique non voglia spostare Pjanic qualche metro più avanti nella posizione di trequartista. A quel punto sarebbe il capitano della Roma ad andare in panchina, utile magari a partita in corso. Il tempo stringe, Luis, al fischio di inizio mancano solo poche ore.

Marco Decrestina