Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Milan-Roma, Walter Sabatini a Sky

Milan-Roma, Walter Sabatini a Sky

Il direttore sportivo della squadra giallorossa prova a dare la sua interpretazione della gara di oggi

Walter Sabatini

MILAN ROMA INTERVISTE POST PARTITA SABATINI / WEB – Il ds della Roma Walter Sabatini a commentare la sconfitta della Roma di oggi contro il Milan.

La Roma nei primi tempi sarebbe in testa alla classifica. Anche stasera vantaggio nel primo tempo e poi la flessione. Perchè succede? tenuta atletica o mentale?
I giovani non c’entrano. I calciatori sono calciatori. E’ un dato che vale la pena analizzare perchè qualcosa succede. In qualche misura è anche confortante perchè la squadra dimostra di essere parzialmente competitiva. Ma il parzialmente nel calcio non basta. Il mister saprà sicuramente individuare il problema e risolverlo“.

Servono due tre acquisti importanti per colmare il gap con squadre come il Milan?
No su questo tipo di considerazione devo fare un appunto: i giocatori venuti alla Roma devono comunque dimostrare di essere da Roma, ogni domenica. La Roma è vero che è un cantiere aperto ma le risposte vanno date adesso non la prossima stagione. La rosa verrà miglirata la prossima stagione. La partita di oggi non mi è sembrata una partita che la Roma potesse affrontare con un altro piglio”.

La Roma è esclusa dalla lotta al terzo posto?
Non penso che questa partita ci tagli fuori da questa possibilità. La squadra deve immediatamente resettarsi e ripartire. Abbiamo il dovere morale di fare sempre meglio”.

Secondo gol di Ibra: atteggiamento complessivo non proprio in linea con la prestazione. La Roma può permettersi di prendere certi gol?
No neanche le altre squadre possono permetterselo. Sul primo non so ma sembra sia successo qualcosa in area. Sul secondo gol c’è stato un errore nella lettura della traiettoria di Kjaer. Devo rivedere le cose ma la mia impressione è che sia stata mal letta la traiettoria. Non si accorge che Ibrahjimovic gli sta tagliando alle spalle, era una palla intercettabile”.

Più Milan o Juve per lo scudetto?
Sono due squadre fortissime che giocano un calcio diverso. Dico Milan perchè il Milan ha un vantaggio di 4 punti. L’aritmetica dice Milan ma la Juventus non mollerà fino alla fine”.

Sara Mascigrande