Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma – Lazio, De Rossi: “adesso e’ dura ma cercheremo di restare attaccati al treno dell’Europa”

Roma – Lazio, De Rossi: “adesso e’ dura ma cercheremo di restare attaccati al treno dell’Europa”

Il centrocampista giallorosso parla della sconfitta nel derby di oggi che allontana la Roma dalla zona Champions

Il centrocampista giallorosso De Rossi (Getty Images)

ROMA DANIELE DE ROSSI SERIE A ROMA – LAZIO CHAMPIONS LEAGUE/ ROMA – Daniele De Rossi, centrocampista giallorosso, ha lasciato le seguenti dichiarazioni nel post-partita del derby romano vinto dalla Lazio per 2 reti a 1:

Sulla classifica

Oltre ad essere una sconfitta nel derby ci allontana di 10 punti dalla zona Champions e adesso è dura ma cercheremo di restare attaccati al treno dell’Europa

Cosa si poteva  fare in più?

Bisogna migliorare, essere più smaliziati, l’abbiamo persa su un calcio da fermo.

Questo progetto scricchiola?

Io ci credo molto, non è una partita che cambia il valore di un progetto o la stima in un allenatore, il derby lascerà dei malumori e delle scorie sulla piazza e su di me, ma non cambia il mio pensiero sul tecnico.

Il ripetere gli stessi errori, soprattutto difensivi, può inficiare il progetto?

Diventa difficile vedere quello che c’è di buono. Oggi la partita è stata alterata dal fatto di essere rimasti in 10, ma il problema non mi sembra difensivo, i gol li prendiamo quando la palla l’abbiamo noi. Il progetto non dura un giorno, c’è bisogno di perdere anche qualche partita.

Avete una buonissima squadra primavera, non è il caso di valorizzare il lavoro dei vostri settori giovanili?

Sicuramente l’esperienza e la personalità non si trovano nei ragazzi della primavera, che pure sono eccezionali con i loro pari età. E no non lo dico perchè l’allena mio padre. Bisognerà buttare dentro qualche campione piuttosto per far crescere il livello di esperienza, basta guardare con chi ha vinto ieri il Milan. Naturalmente non dico di comprare Ibra…

Tu per rinnovare avrai avuto rassicurazioni, come credi che la società lavorerà per fare una Roma forte?

Non è per fare il ruffiano, la mia rassicurazione è la giornata di oggi, quello che vivo quando aspetto una giornata del genere, poi anche la delusione. Io sono rimasto al di là del progetto. Poi mi interessa anche il progetto, c’è bisogno di assestare una squadra, non di comprare 10 campioni.

C’è molta pazienza, non sarebbe meglio un po’ di pressione come c’era in passato?

La pressione positiva, i tifosi non sono contenti di perdere, la squadra oggi ha dato tanto in 10, abbiamo dato tutto quello che avevamo, è questo quello che i i tifosi apprezzano.

 

Andrea Tocci