Roma Calcio » AS Roma News » Calcio Internazionale, Batistuta: ”A Roma esperienza splendida. Sarà sempre un bel ricordo”

Calcio Internazionale, Batistuta: ”A Roma esperienza splendida. Sarà sempre un bel ricordo”

Le parole del Re Leone sugli anni trascorsi a Firenze e a Roma ed anche sul giocatore che lo imita: Pablo Daniel Osvaldo

L'ex calciatore argentino Gabriel Omar Batistuta (Getty Images)

CALCIO INTERNAZIONALE BATISTUTA ROMA ESPERIENZA SPLENDIDA BEL RICORDO/ WEB – Nella carriera di un giocatore come Gabriel Omar Batistuta, c’è stato spazio anche per la Roma. L’argentino, dopo ben 9 anni passati alla Fiorentina, nel 2000 ha deciso di cambiare casacca e di venire nella capitale. Ebbene, alla sua prima stagione ha realizzato 20 gol ed è stato uno dei massimi artefici del terzo scudetto giallorosso. L’ex calciatore ha concesso un’intervista a Sky, dove ha ricordato le sue esperienze in Italia. Ecco le sue parole:

Vado orgoglioso di essere rimasto lì così tanto e lo stesso vale per Zanetti, che si è innamorato dell’Inter, come me di Firenze. Non sono riuscito a fare miracoli, ma ho fatto vedere a tutto il mondo che potevo fare qualcosa di importante. Quello che mi chiedevano i fiorentini non mi ha mai dato fastidio, lo prendevo come una parte del lavoro”. Il Re Leone ha poi commentato il suo capitolo alla Roma: ”Calcisticamente è stata una bella esperienza, volevo provare a me stesso che ero capace di segnare anche lontano da un clima ideale come quello di Firenze. E’ stata una sfida, per me, dimostrarlo, poi volevo tornare a casa con uno scudetto e la Roma mi offriva questa possibilità. E’ stata un’esperienza umanamente splendida, torno spesso ed avrò sempre un bel ricordo”. L’argentino ha speso anche qualche parola sul numero 9 attuale della Roma che non ha mai negato di ispirarsi a lui: ”L’ho visto fare la mitraglia, ha classe, sa come segnare, anche se non ne fa quanti ne facevo io. Mi sembra un ottimo calciatore”. Quindi, una dedica a Del Piero: ”Gli consiglio un’esperienza all’estero, ha ancora qualcosa da dare. Io, quando ho smesso, ho deciso di mollare. Lui ha ancora tanto da dare. Alessandro non si è dimenticato di come si gioca a calcio, gli auguro ancora un paio d’anni”. Batistuta ha chiuso l’intervista mandando un messaggio all’Italia: ”Mi manca Firenze, mi manca l’Italia, mando a tutti un abbraccio enorme”.