Roma Calcio » AS Roma News » As Roma, Tachtsidis, fisico e fosforo al servizio della Roma

As Roma, Tachtsidis, fisico e fosforo al servizio della Roma

Dall’articolo odierno sul Corriere dello Sport :”Non è veloce, ma che talento!

Il centrocampista greco Panagiotis Tachtsidis

AS ROMA TACHTSIDIS CORRIERE DELLO SPORT / WEB – Via Greco arriva… il greco. E’ facile il gioco di parole che sta imperversando ultimamente nella metà giallorossa della capitale. Mentre il centrocampista di San Basilio è vicinissimo a dire addio alla società e firmare con l’Olimpiakos per tre anni (sempre in Grecia, non è colpa nostra) è giunto in punta di piedi questo giovanissimo centrocampista tutto da scoprire. Aiuta in questo tentativo un articolo uscito questa mattina sulla Gazzetta dello Sport. Si è fatto scoprire qui in Italia solo nella scorsa stagione quando dal nulla ha conquistato il posto da titolare fisso nell’Hellas Verona di Mandorlini, trascinandolo a suon di assist e giocate al fulmicotone. Di proprietà del Genoa, che lo ha pescato giovanissimo nel suo paese (è l’esordiente più giovane nella storia dell’Aek Atene, aveva 16 anni e segnò il gol decisivo), dopo vari prestiti pressochè fallimentari a Grosseto e a Cesena si è fatto notare nella città di Romeo e Giulietta nello scorso campionato di Serie B. Da allora Tachtsidis è entrato nei taccuini degli osservatori di mezza Europa ma ad aggiudicarselo è stato Sabatini che ha fatto sborsare alla Roma 1,25 milioni per la comproprietà alla società di Preziosi. Una cifra tutto sommato contenuta per un giocatore ancora molto giovane e con enormi margini di miglioramento, a detta degli addetti ai lavori. Mancino dalla grande tecnica, ma un po’ lento, ha un fisico da armadio che gli consente di giostrare benissimo anche davanti alla difesa ma riesce anche a far valere i suoi ottimi piedi con cui sa lanciare molto bene i compagni sfruttando la sua enorme intelligenza tattica. Chi lo ha visto giocare assicura che la Roma assicurandoselo ha fatto davvero un gran bel colpo. Si vedrà, ma raramente Sabatini si sbaglia…