Roma Calcio » AS Roma News » Roma, Zeman: ”Il campo ha influito sui tre gol. Quando si poteva giocare, noi meglio del Parma”

Roma, Zeman: ”Il campo ha influito sui tre gol. Quando si poteva giocare, noi meglio del Parma”

Le dichiarazioni del tecnico boemo nel post partita di Parma – Roma

Il tecnico giallorosso Zdenek Zeman (Getty Images)

ROMA ZEMAN CAMPO TRE GOL PARMA / ASROMALIVE.IT – Queste le dichiarazioni di Zdenek Zeman al termine della gara del Tardini, persa contro il Parma, ai microfoni di Sky:

Dare un giudizio tecnico sulla partita è molto difficile, soprattutto nel secondo tempo era complicato giocare a calcio… Però la squadra ci ha creduto fino alla fine. Altro elemento la clamorosa fragilità difensiva… Errori individuali o di sistema?
Valutare la partita oggi… Sicuramente ha influito il terreno di gioco sui 3 gol, si giocava in condizioni difficili: al primo gol subito, Dodò ha lisciato un po’ la palla ed è partito l’avversario, al secondo l’acqua ha molto aiutato e il terzo uguale. Nel secondo tempo, è difficile giudicare anche se la squadra ha cercato… Poi è normale che abbiamo dovuto calciare sempre palla lunga e, nonostante tutto, qualche occasione l’abbiamo fatta. Abbiamo cominciato meglio del Parma quando si poteva giocare, pi è difficile valutare. Dispiace che si perda.

Quindi la difesa era ben messa ed ha funzionato?
Ripeto, sul primo gol eravamo 4 e la palla andava verso Dodò che la doveva calciare e l’ha lisciata, trovandosela dietro la schiena forse per troppa sicurezza. Poi l’attaccante è andato via a Castan, l’errore è quello.

La Roma ha i valori per uscire da questo momento così difficile?
Continuo a dire che questa è un’ottima squadra, anche se purtroppo non lo abbiamo dimostrato magari, anche se contro Udinese e Bologna abbiamo fatto bene, anche se non per 90 minuti, ed abbiamo pagato. La squadra è disposta a lavorare e sta cercando di fare. Per me rimane squadra e, magari con un po più di fortuna e convinzione, faremo vedere che sappiamo giocare a calcio, come abbiamo già fatto a tratti.

Si potrebbe parlare del tormentone. Anche oggi De Rossi non ha giocato in mezzo… Perché insiste così tanto nel farlo giocare intermedio?
Io mi meraviglio di voi e continuo a dire che De Rossi gioca da 9 anni nella Roma da titolare e non ha mai fatto il mediano: ci hanno giocato Pizarro e tanta gente e lui ha fatto sempre la mezz’ala. Inoltre il ragazzo non mi ha mai detto che vuole giocare mediano, sono tutte polemiche fuori posto…

Allora le chiedo scusa, se il giocatore non vuole giocare lì ritiro tutto…
Non è che non vuole, non mi ha mai chiesto di giocare lì, però si dice dall’inizio del campionato che lo vuole. Quando me lo dirà a me ne parleremo.

La squadra però quando attacca è molto pericolosa. Lamela, che lei ha stuzzicato, mi sembra stia crescendo molto.
Aveva bisogno di essere stuzzicato, ha dei numeri e spesso li faceva senza conclusione. Oggi mi piace che punta la porta e vuole fare gol e spesso si trova in condizione di poterlo fare. Ha dei mezzi e spero continuerà a migliorare.

Però la squadra prende tanti gol e i risultati non arrivano. Anche la determinazione viene a mancare, ma lei parla di terzo posto. Forse questo è un anno di transizione per acquistare gli automatismi?
Io come sempre non ho pazienza e voglio sempre tutto subito anche se capisco che è difficile ottenerlo. Per ottenerlo bisogna lavorare, noi abbiamo fatto un calcio anche di ottimo livello anche se, per ora, a sprazzi. Lavorando e concentrandoci possiamo solo migliorare e io ho fiducia nella squadra e nei movimenti.