Roma Calcio » AS Roma News » Marcato Roma, Ag.Verratti smentisce nuovamente lo scambio con De Rossi

Marcato Roma, Ag.Verratti smentisce nuovamente lo scambio con De Rossi

Verratti si allontana da Roma

Marco Verratti

VERRATTI / ASROMALIVE.IT – Donato Di Campli, procuratore di Marco Verratti, smentisce nuovamente le voci su un possibile scambio del suo assistito con De Rossi questa mattina in un’intervista:

Scambio De Rossi-Verratti, è possibile?
“Sono costretto a smentire tutto, non c’è assolutamente nulla. L’ho detto ieri, lo ribadisco oggi. Ogni giorno Marco viene accostato a una squadra, al momento nessuna trattativa è in itinere”.

Anche Ancelotti ha smentito…
“Dicevo ieri che se Balotelli è la Gioconda, Verratti è Picasso, il PSG è una squadra che ha investito tanti soldi su di lui, non credo che si privi di Marco, sta facendo benissimo e non vedo perché dovrebbe muoversi”.

I due, De Rossi e Verratti, sono calciatori diversi.
“Non ho condiviso l’articolo che diceva che è stato relegato in panchina, è al centro di un progetto importantissimo. Non mi sembra corretto mettere il nome di Marco in ogni trattativa, ovviamente è un nome ambito, se il PSG un giorno mi dovesse dire che non rientra nei piani valuteremo altre situazioni”.

Si dice che non si trovi bene a Parigi…
“Sono voci montate ad arte, ognuno fa il suo interesse, a Parigi sta bene, come non potrebbe un ragazzo del ’92 che gioca in Champions, in campionato in una squadra che ha progetti importantissimi?”.

E’ vero che Ancelotti ha rimproverato pubblicamente Verratti?
“Smentisco anche questo, il rimprovero può essere tecnico e ci sta. Non mettiamo in pubblico cose che non esistono. È una cosa normalissima che un allenatore rimproveri un giocatore e Marco ha tutto da imparare. Dire che ci sono stati screzi è una burla clamorosa“.

Verratti è stata un’occasione persa per il calcio italiano, perché le squadre italiane non sono state lungimiranti e molto ricche?
“Su Marco nessuno credeva che potesse esplodere in questo modo, il PSG ci ha creduto anche dal punto di vista economico, in Italia nessuno voleva investire più di 10 milioni”.

Quanto c’è di Zeman nella sua crescita?
“Tantissimo, come dice Marco, è stata la svolta della sua vita, lo ha impostato del ruolo dove gioca ora”.