Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Esclusiva AsRomaLive.it, Scalera (ag.Fifa): “Strootman acquisto di valore, servono due esterni per il 4-3-3 di Garcia”

Esclusiva AsRomaLive.it, Scalera (ag.Fifa): “Strootman acquisto di valore, servono due esterni per il 4-3-3 di Garcia”

Intervista in esclusiva al procuratore sul mercato giallorosso

Kevin Strootman firma per la Roma

Kevin Strootman firma per la Roma

ESCLUSIVA INTERVISTA SCALERA / ASROMALIVE.IT – Si sta man mano delineando il calciomercato della Roma, visti gli ultimi colpi in entrata ed alcune uscite anche dolorose (Marquinhos su tutti). I giallorossi stanno prendendo una fisionomia piuttosto concreta, anche se da qui al 2 settembre, data di chiusura delle trattative, potranno accadere molte cose. La redazione di AsRomaLive.it ha voluto raccogliere in esclusiva il parere di Alessio Scalera, agente Fifa molto attivo sul panorama italiano ed internazionale. Abbiamo fatto il punto della situazione sugli ultimi colpi e sulle prossime manovre del club capitolino:

Sig. Scalera, la Roma ha completato l’acquisto di Kevin Strootman. E’ un colpo che fa fare il salto di qualità?

Sicuramente la Roma si è assicurata un giocatore già affermato, un centrocampista non più giovanissimo che ha già dimostrato di poter far bene. E’ un nazionale olandese che ha tanta qualità, ha corsa, ha fisico, senso dell’inserimento e può giocare anche da centrale. Può far fare il salto di qualità alla squadra, anche se va verificata l’adattabilità al calcio italiano“.

I 17 milioni spesi (più bonus) rappresentano una spesa congrua?

E’ difficile fare valutazioni esatte sul mercato. Basti pensare che uno come Tevez è stato pagato poco più di 10 milioni mentre Marquinhos andrà via per 35. E’ di certo un acquisto di valore, visto che è ancora un calciatore giovane può persino crescere. 17 milioni per ora sono comunque un investimento importante, ma ripeto che il valore di Strootman col tempo può aumentare“.

E’ arrivato anche Maicon. Rinforzo intelligente o azzardo?

E’ molto difficile dirlo, soltanto i suoi agenti e lo staff tecnico della Roma può dircelo. Certo che quando era nell’Inter del triplete Maicon era almeno tra i primi tre laterali difensivi più forti al mondo, un calciatore di altissimo livello. Ora vanno verificate le condizioni fisiche e mentali, visto che viene da un anno piuttosto sfortunato al City, dove non ha praticamente mai giocato. Se avrà fame e voglia di tornare in auge allora risponderà bene“.

In bilico il futuro di Osvaldo e De Rossi. Che opinione si è fatto di questi due casi ‘spinosi’?

Sono due elementi di valore assoluto presi singolarmente, che però ultimamente hanno segnalato problemi e difficoltà diverse. Oggettivamente se andassero a giocare in qualsiasi altra squadra diventerebbero immediatamente due punti fermi. Osvaldo ha dei problemi evidenti di origine caratteriale, sembra abbia un pò rotto con la piazza, mentre De Rossi deve fare i conti con problematiche di livello ambientale. Non so se riusciranno a risolvere questi dubbi a Roma o altrove, certo che se dovessero andare all’estero sono sicuro avrebbero uno sviluppo di carriera molto importante“.

Garcia ieri ha dichiarato di aver bisogno di un attaccante esterno rapido. C’è qualche nome che ci può indicare come rinforzo ideale in quel ruolo?

Innanzitutto c’è da dire che al momento è molto difficile lavorare sul 4-3-3, visto che nella rosa ci sono ben quattro centravanti (Totti, Osvaldo, Destro e Borriello) e solo un attaccante esterno, ovvero Lamela che è un elemento di grandissima qualità. Gli altri sono degli adattati, come Pjanic o Florenzi quando vengono schierati sulla fascia. L’ideale per questo modulo era Nico Lopez, ma è stato venduto, oppure potrebbe reinventarsi Totti sulla sinistra come faceva con Zeman. Si parla molto di Gervinho, ma non mi fa impazzire, credo non sia adatto al calcio italiano. Servono almeno due attaccanti esterni puri per il 4-3-3, e devono essere calciatori al livello della Roma; è difficile che le società italiane ed estere però cedano certi tipi di elementi, penso ad Insigne, un grande talento che il Napoli difficilmente lascerà andar via. Se non dovessero arrivare rinforzi si dovrebbe cominciare a pensare al 4-3-1-2 o al 4-3-2-1 che si addice di più alle caratteristiche della rosa attuale“.

Intervista realizzata da Keivan Karimi