Roma Calcio » AS Roma News » AS ROMA Boniek: “Una vittoria che porta entusiasmo. Garcia? I risultati si vedono in campo”

AS ROMA Boniek: “Una vittoria che porta entusiasmo. Garcia? I risultati si vedono in campo”

Zbigniew Boniek

Zbigniew Boniek

«L’entusiasmo nel calcio fa sempre bene e la quarta vittoria di fila in campionato può solo far bene alla Roma». Zibì Boniek non ha dubbi, dopo il meritato successo dei giallorossi nel derby di ieri e la conferma del primato in classifica, a punteggio pieno. Parlando a Radio anch’io lo sport, su Radio Rai, l’ex centrocampista polacco spiega che «Garcia era arrivato a Roma fra lo scetticismo generale», ma in realtà si è rivelato un allenatore in grado di «sistemare la squadra dal punto di vista tattico e fisico: i risultati si vedono sul campo». Secondo Boniek, «la Juve resta favorita per mille motivi: è cattiva, tosta, ha un allenatore che li sprona e poi, dal punto di vista qualitativo, ha qualcosa in più. Ma si vede che sta accadendo qualcosa di interessante sul piano tecnico. Questo è bellissimo. Se parliamo di tecnica e di tattica, il campionato italiano è interessante». Poi, tornando alla Roma, le consiglia di «puntare al terzo, quarto o quinto posto». «Mi ha fatto molto piacere vedere vincere la Roma ieri – confessa -. Garcia proviene da un campionato durissimo, come quello francese, non si può fare il paragone con Luis Enrique, che allenava le riserve del Barcellona, in una realtà in cui lo stress sicuramente si sente meno. Garcia mi dà l’impressione di essere una persona brava e preparata, un allenatore che ha trovato il linguaggio per farsi capire dai calciatori». Infine, una considerazione su Ljajic, il cui ingresso in campo ieri ha cambiato volto alla stracittadina romana. «Quando è stato il suo turno ha fatto la differenza – fa notare Boniek -. La Roma ha la possibilità di buoni cambi. Il problema di Garcia sarà quello di gestire 16 grandi giocatori, perchè la vittoria può portare a esasperare certe situazioni. L’allenatore dovrà essere bravo anche a far capire che bisogna sacrificarsi nel nome della squadra».

Fonte: Radio Rai