Roma Calcio » AS Roma News » AS ROMA Greco: “De Rossi è un valore aggiunto. La Roma può essere la rivelazione del campionato”

AS ROMA Greco: “De Rossi è un valore aggiunto. La Roma può essere la rivelazione del campionato”

Leandro Greco

Leandro Greco

Leandro Greco, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sulla Roma di Rudi Garcia:

“Il ritorno in Italia mi ha messo in un frullatore di emozioni, che mi ha toccato molto sotto il profilo emotivo, determinato per esempio dal dover rivedere tanti amici quando ho affrontato la Roma. Poi c’è stato il gol al Sassuolo e diciamo che la sosta mi ha permesso di rilassarmi un po’. Con la Roma abbiamo pagato dazio all’esperienza, alla prima in casa contro una grande squadra come quella giallorossa. Poi abbiamo avuto a disposizione Emeghara, che già l’anno scorso a Siena aveva dimostrato quanto potesse essere utile. Vincere col Sassuolo può averci sbloccato, tanti calciatori del Livorno non avevano esperienza in A, ritengo che potremo dare fastidio a molte squadre, giocarcela con chiunque”

 La Roma?

“Ho notato sia contro di noi sia contro il Verona un atteggiamento diverso. La Roma dà la sensazione di divertirsi, di essere convinta. E poi dimostra di avere una sana cattiveria che la porterà a essere la rivelazione della Serie A. Una squadra che ti mette in difficoltà perché non dà punti di riferimento all’avversario.  Ho visto molto bene Daniele De Rossi e non avevo dubbi che sarebbe andata così, nel momento in cui l’ambiente si è ricompattato attorno a un giocatore che ha un potenziale enorme. L’anno scorso è andato tutto storto per tante cause legate all’ambiente, lui assieme a Totti sarà il valore aggiunto di questa Roma. Un’esperienza all’estero, come la mia in Grecia, la consiglio a tutti i calciatori. Poi per come siamo abituati noi italiani, per come viviamo il nostro lavoro, rischia sempre di mancarti qualcosa. Io ho giocato in Grecia, un anno che mi ha migliorato, poi nello specifico là si vive in modo più freddo lo spogliatoio, mentre ero abituato a viverlo in modo diretto, con rapporti più stretti con i compagni. Il livello del campionato greco poi non è elevatissimo, per fortuna poi arrivava la Champions League e tornavi a respirare la giusta tensione emotiva”.

Fonte: TeleRadioStereo