Calciomercato Roma, erede Dzeko | Annuncio e doccia gelata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:26

Calciomercato Roma, non solo Belotti o Kean: i giallorossi hanno individuato un altro attaccante come profilo adatto per il dopo Dzeko. 

Edin Dzeko (Getty Images)

Vi abbiamo già raccontato delle difficoltà legate alla pista Kean e di quelle relative a Belotti. Sul centravanti dell’Everton, in prestito al PSG, c’è il forte interesse della Juventus e dello stesso club francese. Portarlo a Roma significherebbe spendere almeno 50 milioni di euro mentre per il “Gallo” ne “bastano” 35.

Il numero 9 del Torino piace molto anche al Milan, attualmente in vantaggio, e ciò spiega il perché i giallorossi si stiano guardando intorno per avere alternative pronte in caso sfumassero i colpi in cima alla lista di Tiago Pinto.

Per sostituire il “Cigno di Sarajevo” servirà un profilo che conosca il nostro campionato e che possa fare la differenza sin da subito: lo stesso dg portoghese ne è consapevole ma ciò non gli ha fatto comunque distogliere l’attenzione dal monitoraggio di uno degli attaccanti più promettenti di Europa (dopo il mostro sacro Haaland).

Leggi anche: Calciomercato Roma | Futuro allenatore: aumenta la concorrenza

Leggi anche: Roma, per l’erede di Dzeko il Milan mette la freccia sui giallorossi

Calciomercato Roma, l’erede di Dzeko viene dalla Germania

Calciomercato Roma
Tiago Pinto

Ci stiamo riferendo a Sasa Kalajdzic, centravanti austriaco dello Stoccarda. 23 anni, alto 2 metri (7 cm più dello stesso Dzeko), ha già segnato 13 gol e servito 4 assist.

Se è vero che l’altezza è mezza bellezza, ciò non vale sempre nel calcio. Non è questo però il suo caso dal momento che la sua impostazione fisica non gli impedisce comunque di muoversi con grazia e di saper giocare con la squadra.

Ricorda da molti punti di vista proprio lo stesso Edin e ciò spiega il perché Pinto, come tanti altri dirigenti europei, lo stia seguendo con grande attenzione. Kalajdzic ha sottolineato il grande onore di essere accostato a club prestigiosi ma le sue dichiarazioni hanno anche lasciato intendere come non sia ancora del tutto convinto a cambiare.

Queste le sue parole: “Se voli troppo in alto, rischi di farti male. Per questo non voglio montarmi la testa e penso solo a giocare. Ho già subito una frattura del metatarso e una del legamento crociato, so bene che tutto può cambiare da un momento all’altro”.