Roma-Lazio, tutto pronto per il derby sugli spalti | La scenografia della Curva Sud

Roma-Lazio, c’è sempre più attesa e fermento per una delle gare più sentite dell’anno. Molti gli ingredienti in grado di acuire il fascino.

A partire dai nomi dei due mister in panchina, protagonisti di diversi siparietti ai tempi della Premier e la cui simpatica dialettica è iniziata già giovedì sera, in seguito alla sarcastica ma leggera battuta dello Special One sull’ex Napoli e la sua, non più inseparabile, sigaretta.

Roma
Roma ©LaPresse

 

Quest’anno, visto anche il momento della stagione, la stracittadina avrà una valenza molto importante anche ai fini della classifica, grazie al solo punto di distanza tra le due squadre e la necessità di ambedue di provare ad arrivare in Europa League. Come ogni stagione, anche questa volta Roma-Lazio sarà caratterizzata da alcuni confronti interni (le partite nella partita, se preferite) dalle quali potrebbero dipendere i risvolti e l’esito finale.

Tecnici a parte, sarà anche la gara della dialettica tra una certezza del nostro campionato come Immobile e quel londinese che in pochi mesi ha saputo dimostrare grandi capacità di adattamento ad una lega così difficile come la Serie A.

 

Roma-Lazio, la Curva Sud prepara la scenografia per il derby

Roma
Tammy Abraham ©LaPresse

Da non sottovalutare, poi, la sfida che si terrà sugli spalti, da sempre ingrediente fondamentale per acuire il fascino e la bellezza di una partita che senza tifosi risulterebbe sempre più insipida. Roma-Lazio è sempre stata anche questa, una storia di sfottò a distanza e coreografie bellissime.

Si pensi a quella ormai famosa  con i tanti storici capitani giallorossi, da Di Bartolomei a Totti e De Rossi o a quella de “Il mio nome è simbolo della tua eterna sconfitta”. Nella gara di andata la Sud espose uno striscione recitante: “Voi sulla maglia, noi in curva… con questi colori uniti per la vittoria”.

La falsariga dello spettacolo di quest’oggi sarà pressoché questa, con un’impostazione ancora più storica e richiamante alla nobilissima tradizione romana, come scrive “Il Corriere dello Sport”.