Focolaio Covid per l’Italia, comunicato ufficiale prima dei playoff Mondiali

Focolaio Covid per l’Italia, quella appena iniziata si appresta ad essere una delle soste della Nazionale più importanti della recente storia calcistica del nostro Paese.

A meno di un anno di distanza dalla salita sul podio continentale, la Nazionale di Mancini si giocherà le proprie carte nei prossimi giorni per poter approdare al Mondiale in Qatar. La prima sfida è in programma giovedì prossimo, 24 marzo, cui l’Italia tutta si augura poter far seguito il match decisivo.

Italia
Roberto Mancini ©LaPresse

In quest’occasione, Immobile e compagni, con i dovuti scongiuri, affronteranno una tra Turchia e Portogallo, il cui esito sentenzierà quella che sarà l’assenza di una delle più importanti realtà nazionali di Europa. Il prossimo Mondiale vedrà infatti sicuramente l’assenza o dei campioni europei in carica o della Nazionale vantante uno dei calciatori più forti della storia del calcio, Cristiano Ronaldo.

Senza addentrarci in ulteriori discorsi e nelle critiche nate in passato legate alle modalità del sorteggio che, come detto, comporterà ad ogni modo una nobile esclusione, riportiamo un importante aggiornamento relativo alla possibile nascita di un focolaio Covid tra le fila azzurre.

Focolaio Covid per l’Italia, comunicato ufficiale FIGC: due positivi

Italia
Italia ©LaPresse

A fare chiarezza è stata la stessa Figc tramite un comunicato ufficiale, nel quale si legge che sono stati riscontrati due casi di positività al Coronavirus tra le fila dello staff. I soggetti in questione sono stati prontamente isolati ed è stato organizzato nel miglior modo possibile, ai fini della sicurezza, il rientro in sede. Nello stesso annuncio si sottolineano anche altri casi di positività relativi allo staff organizzativo di supporto.

Ad acuire la preoccupazione sono state poi le dichiarazioni di Dario Marcolin, collaboratore tecnico di Mancini che si è così esposto ai microfoni di Radio Kiss Kiss. “Ci sono cinque calciatori positivi al Coronavirus tra le fila dell’Italia, oltre che ai due dello staff medico. Non lo so con certezza, ma sembrerebbe che siano usciti questi casi, anche se Roberto Mancini non si sta ponendo grandi problemi“.