Calciomercato Roma, giallo sull’affare e futuro in bilico

La Roma potrebbe finalizzare una trattativa di calciomercato nella prossima estate grazie alla clausola che è ancora valida senza obiettivo

La Roma in estate dovrà intervenire sul calciomercato per migliorare la rosa in vista della prossima stagione. L’obiettivo dei Friedkin è lottare per palcoscenici migliori e questa annata sarà il punto di partenza per costruire delle basi solide. Il progetto che vede Mourinho protagonista, infatti, è solo all’inizio e ad agosto comincerà il secondo anno dell’ambizioso piano di Dan e Ryan. Per permettere alla Roma di innalzare il livello, però, la proprietà dovrà investire sul mercato per donare allo Special One i rinforzi della rosa che chiede. Sono diversi i ruoli che il portoghese vuole rinforzare e gli interventi in estate potrebbero essere sostanziosi proprio per accontentare le sue richieste.

Calciomercato roma
Tiago Pinto ©LaPresse

Prima di poter acquistare, però, la Roma deve sfoltire la rosa e cedere qualche giocatore. In primis, in questo modo si liberano spazi in rosa che potrebbero essere occupati dai nuovi arrivati. Poi, ci sarebbero fondi per gli ingaggi che potrebbero essere utilizzati per prendere questi nuovi calciatori, con il Decreto Crescita che potrebbe dare una mano a Tiago Pinto nelle trattative. Infine, Vendere i giocatori non utilizzati o che sono stati già ceduti in prestito sarebbe ottimo per la Roma che così riunirebbe un piccolo tesoretto per muoversi più agilmente sul mercato. Questo, poi dipende anche da come finirà il campionato e la finale di Conference League.

Calciomercato Roma, giallo Kluivert: per l’obbligo di riscatto vale anche l’Europa League

Calciomercato roma
Justin Kluivert ©LaPresse

Dei calciatori che hanno lasciato Trigoria e che sono sicuri della cessione ci sono già Cengiz Under e Pau Lopez. Oltre ai due del Marsiglia, nel campionato francese c’è anche Justin Kluivert che gioca con il Nizza. Nell’affare di prestito al club rossonero, la Roma ha inserito una clausola per l’obbligo di riscatto. Questa sarebbe scatterà solo con due condizioni. La prima prevede almeno il 50% di presenze da minimo 45 minuti. La seconda, invece, riguarda l’accesso del club in Champions League. Vista l’impossibilità aritmetica di non entrare nel massimo torneo per club targato Uefa, questa seconda postilla dovrebbe sfumare vanificando l’obbligo di riscatto. Secondo alcune versioni, però, non è così. La clausola per l’obbligo di riscatto per la qualificazione riguarderebbe anche l’Europa League. Quindi per il Nizza va bene anche l’accesso alla seconda manifestazione europea.

Obiettivo tutt’altro che semplice, visto che quando manca solamente una giornata alla fine, i rossoneri sono sesti in classifica, a due lunghezze dall’Europa League, e con anche lo Strasburgo di mezzo a pari punti.