Cinque gol e una frenata di troppo: l’Atac sospende l’autista tifoso della Lazio

Oltre al danno, la beffa: ecco cosa è successo all’autista tifoso della Lazio, che al volante era impegnato in…altre cose.

La fede calcistica, si sa, può essere assolutamente trascinante. Ne sanno qualcosa i tifosi della Roma, che anche in una gara apparentemente di secondo profilo come quella disputata contro l’Helsinki hanno letteralmente invaso l’Olimpico, in tripudio per l’ennesima prestazione da urlo di Paulo Dybala, assolutamente decisivo.

Milinkovic Savic, Luis Alberto ©LaPresse

Poco prima, la Lazio era incappata in una pesante debacle contro il Midtjylland, con i danesi capaci di imporsi sui biancocelesti con un rotondo 5-1. Giornata che un’autista non faticherà ad imprimere bene nella sua memoria. Come riferito da Repubblica, infatti, ATAC ha deciso di punire uno dei suoi autisti con la sospensione dalla stipendio e dal ruolo. Il motivo? Il conducente – come prontamente immortalato da uno scatto con cui un passeggero ha ripreso il tutto – è stato colto in fragrante mentre era intento a guidare il mezzo distratto, però, dallo schermo del telefonino. L’autista, infatti, stava seguendo l’ingresso in campo degli uomini di Sarri, mentre era alla guida del bus.

Un episodio che ha insospettito e non poco i vertici ATAC, che chiaramente hanno dovuto fare i conti con le ovvie lamentale dei passeggeri, che hanno prontamente segnalato quanto accaduto. La reazione non si è fatta attendere, con l’autista di fede biancoceleste che oltre a vedere i suoi beniamini cedere il passo alla non irresistibile compagine danese, ha perso anche provvisoriamente il lavoro.