Cassano a gamba tesa su Mourinho dopo Milan-Roma: “Non lo dice nessuno”

Ennesima entrata a gamba tesa su José Mourinho, da anni ormai in grado di dividere tifosi e non solo. Il commento di Cassano dopo Milan-Roma

La gara di San Siro due sere fa è stata per i tifosi giallorossi, così come per i milanisti, non ricca di emozioni e indicazioni, da tanti punti di vista. Fino al minuto ’87, la partita sembrava essere stata indirizzata su binari già percorsi tante volte dagli uomini di Mourinho e, più in generale, da una squadra che ha palesato nei big match non poche difficoltà nel corso di questi ultimi anni.

Milan-Roma
Antonio Cassano ©LaPresse

In molti sembravano pronti a definire la partita di Dybala e colleghi come una sorta di non-prestazione, alla luce di un quasi solito e abitudinario atteggiamento contraddistinto da passività e attenzione alla fase difensiva, più che ad un’offesa e un’incisività in attacco che la qualità dei giocatori in campo lascerebbe presumere poter essere ben più importante.

Milan-Roma, Cassano a gamba tesa su Mourinho

Proprio quando le critiche ormai solite nei confronti di Mourinho e della sua squadra sembravano essere apparecchiate, Ibanez e Abraham hanno permesso in pochi minuti di edulcorare la tristezza per quanto visto dai tifosi fino a quel momento e, soprattutto, regalare un’importante soddisfazione in uno stadio tutt’altro che semplice.

Roma
Roger Ibanez ©LaPresse

Al netto delle varie opinioni e critiche, la Roma è fin qui stata imbattuta a San Siro e, soprattutto, ha dimostrato anche domenica una delle caratteristiche che l’hanno maggiormente contraddistinta in quest’anno e mezzo di Special One: la capacità di non morire mai. Ad essere imperiture, soprattutto a causa delle difficoltà di gioco, sono però anche le critiche nei confronti del portoghese. Tra i più recenti, ricordiamo quelli giunti da Antonio Cassano, così espressosi lunedì sera ai microfoni della Bobo Tv.

Il Milan ha provato a vincere e meritava di vincere. All’87esimo la partita era finita. Ad intuito, le critiche sono state sui cambi di pioli ma pioli è stato furbo visto che doveva essere espulso dopo l’intervento su Pellegrini. Bisogna dire che la Roma ha fatto una partita ignobile per 87 minuti. Se dici ai ‘quattro tenori’ di rincorrere la palla e stare dietro la linea, perché non fai giocare direttamente i terzini? Puoi mettere anche sei attaccanti ma Dybala non ha alternativa di gioco;  Celik non ha fatto nessuna discesa. Perché non si dice che il Milan meritava di vincere e che Pioli è inattaccabile visto che ha fatto cambi tattici? Mourinho da un anno e mezzo non fa giocare la squadra, non fa fare tre passaggi di fila”.