Esonero Mourinho, Zazzaroni choc: “Solo un pretesto, presto parlerà”

Ecco quanto dichiarato da Ivan Zazzaroni ai microfoni di Tv Play. Il tema riguardante l’esonero di Mourinho sempre all’ordine del giorno.

L’esonero di José Mourinho con la scelta di affidare a Daniele De Rossi la panchina della Roma è stato un vero e proprio fulmine a ciel sereno a cui, però, la squadra ha reagito immediatamente. I sei punti conquistati tra Hellas Verona e Salernitana non possono essere trascurate. A calamitare l’attenzione mediatica, però, sono ancora le indiscrezioni e i retroscena che hanno portato all’esonero dello Special One.

Esonero Mourinho, Zazzaroni choc: "Solo un pretesto, presto parlerà"
José Mourinho (LaPresse) – Asromalive.it

Intervistato ai microfoni di TV PLAY in onda su Twitch, il direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni, ha detto la sua in merito a quanto successo nelle scorse settimane in casa Roma, rivelando alcuni particolari degni di nota: “Cinque esoneri? Non sono consecutivi e poi devi vedere esattamente le cose come sono andate. Mourinho ha portato la Roma a giocare due finali. Alcuni particolari usciranno presto. Volevano mandarlo via dopo Genoa-Roma e la squadra si è ribellata. Perché lo volevano mandare via? Lo spiegherà Mourinho presto”.

Roma, Zazzaroni a TV PLAY: “I risultati sono stati solo un pretesto per cacciare Mourinho”

Zazzaroni ha poi continuato la sua disamina, puntando il dito sull’influenza che avrebbero avuto i risultati ai fini della decisione finale dei Friedkin di esonerare Mourinho:

Esonero Mourinho, Zazzaroni choc: "Solo un pretesto, presto parlerà"
Mourinho (LaPresse) – Asromalive.it

“Non casualmente hanno esonerato Mourinho a ridosso di tre gare facili. I risultati sono stati solo un pretesto per mandare via Mourinho. Anche De Rossi, visto il suo profilo iconico, è stato preso per mettere a tacere l’umore del popolo sull’esonero di Mourinho. I risultati, sotto questo punto di vista, sono stati soltanto un pretesto per mandarlo via”.

Zazzaroni ha poi chiosato svelando il ruolo che la sessione estiva di calciomercato avrebbe avuto nel ridimensionamento del gioco della Roma: “Visto il suo solo anno di contratto, ha fatto solo la telefonata a Lukaku. Mou è rimasto deluso dalla partenza di Matic e dalla cessione di Ibanez. Anche questo ha inciso sul non gioco della Roma”.

Impostazioni privacy