Roma-Inter, sorpresa last minute: è pronto all’esordio

Un odore di sorpresa inizia ad aleggare intorno allo Stadio Olimpico, dove, tra una manciata di ore, andrà in scena la sfida tra Roma e Inter.

La partita di oggi tra la Roma di Daniele De Rossi e l’Inter di Simone Inzaghi, oltre a riportare alla mente la storica rivalità tra i due club e tra le due metropoli nostrane, sembrerebbe significare parecchio per entrambi i progetti.

Erede Rui Patricio: la Roma sfida il Milan
Daniele De Rossi (LaPresse) – Asromalive.it

Da una parte la prova del nove per Daniele De Rossi e dall’altra la possibilità di mettere temporaneamente in cassaforte la prima posizione per Simone Inzaghi, ma anche l’occasione di giocarsi finalmente le nuove carte giunte nei rispettivi mazzi nel corso del mercato invernale.

Inzaghi pronto all’esordio di Buchanan

Da una parte in gioco il rispetto del mondo del calcio nei confronti della figura di Daniele De Rossi come allenatore, dall’altra quei punti necessari a capitalizzare definitivamente la qualità del gioco di Simone Inzaghi, che dovrà necessariamente portare al primo scudetto per l’osannato tecnico nerazzurro… Insomma, Roma-Inter significa tanto e, da un certo punto di vista, potrebbe essere considerata la sfida designata a sancire l’inerzia della stagione per entrambi le formazioni, sotto diversi punti di vista. Difatti, tanto per DDR, quanto per Inzaghi, è il momento di tirare fuori l’asso dalla manica. In tal senso, nel caso del tecnico piacentino, la sfida dell’Olimpico potrebbe rappresentare la conclusione di un percorso di adattamento di un innesto giunto nel mercato invernale, che potrebbe fare il suo debutto con la maglia nerazzurra proprio questa sera.

Tajon Buchanan (Ansafoto) – Asromalive.it

Tajon Buchanan è pronto… Ce lo dice La Gazzetta dello Sport, dove viene ipotizzato, dopo una serie di convocazioni culminate in delle panchine, il possibile debutto dell’ex terzino del Club Bruges. Il tutto, come precisato dal quotidiano sportivo, sarà naturalmente da valutare in corsa, poiché il canadese classe ’99 partirà ovviamente dalla panchina. Le convincenti prestazioni di Matteo Darmian hanno restituito serenità e soddisfazione all’ex tecnico della Lazio, ma il potenziale manifesto da Buchanon è fin troppo luccicante per precludergli un esordio.

Velocità, intensità e massicce dosi di tecnica, rappresentano le caratteristiche più evidenti del terzino destro giunto a Milano ad inizio gennaio e, il lungo periodo riservatogli da Simone Inzaghi per entrare nell’economia tattica della squadra, dovrebbe garantirgli un esordio il quanto più lontano possibile da quella disarmonia che, alle volte, caratterizza l’approccio di alcuni innesti in sistemi di gioco ben collaudati, com’è di certo quello della capolista. Trovarsi a fine partita a dover fronteggiare un esterno di tali caratteristiche, caricato dall’entusiasmo dell’esordio, potrebbe essere un grattacapo piuttosto fastidioso per DDR & co.

Impostazioni privacy