Firma triennale dopo Ghisolfi: annuncio imminente

Firma triennale dopo quella di Ghisolfi: ormai i Friedkin hanno deciso la durata del contratto. Annuncio ufficiale imminente da parte del club giallorosso

Ci siamo, siamo al momento della firma. Dopo un primo annuncio dei Friedkin, nel momento topico della stagione e prima di capire come sarebbe andata a finire, adesso arrivano i dettagli su quello che sarà il prossimo contratto di Daniele De Rossi.

Firma triennale dopo Ghisolfi: annuncio imminente
Dan Friedkin, presidente della Roma (Lapresse) – Asromalive.it

Arrivato lo scorso gennaio per prendere il posto dell’esonerato José Mourinho, DDR in questi mesi ha dimostrato più e più volte di essere un tecnico preparato, con delle idee che non possono sicuramente passare inosservate, e con una squadra di certo non costruita a sua immagine e somiglianza. In poche parole, l’ex numero 16 giallorosso, questo rinnovo contrattuale se lo è guadagnato alla grandissima. E adesso ci siamo per quella firma, formale, che lo legherà alla Roma per molto tempo.

Firma triennale, ecco il contratto di De Rossi

Secondo le informazioni riportate da Fabrizio Romano infatti, che ha piazzato un post su X taggando anche l’altro giornalista Matteo Moretto, Daniele De Rossi dovrebbe firmare con la Roma un contratto triennale, quindi fino al 30 giugno del 2027. Un progetto a lungo termine, tenendo conto di questi primi sei mesi. Un progetto che permetterà all’allenatore di pensare con una certa sicurezza al futuro.

Firma triennale dopo Ghisolfi: annuncio imminente
De Rossi, firmerà un triennale (Lapresse) – Asromalive.it

E sicuramente c’è curiosità per capire quali poi effettivamente saranno le sue indicazioni sul mercato. Qualche indizio nel corso delle ultime conferenze stampa lo ha dato, parlando di giocatoti di gamba, che sanno puntare l’uomo e che accettano l’uno contro uno a tutto campo. Idee di gioco importanti, proposte di gioco che hanno come unico obiettivo quello di regalare alla Roma delle soddisfazioni importanti. Magari anche in Champions League, sperando in un rilassamento dell’Atalanta dopo la vittoria dell’Europa League contro il Bayer Leverkusen. Sì, perché il destino come sappiamo dipende dai nerazzurri. E potrebbe cambiare davvero tutto.

Impostazioni privacy